Morto per influenza aviaria un ragazzino di soli 11 anni, è allerta

0
116

Morto per influenza aviaria un ragazzo di 11 anni, sanità in allerta, si parla di zoonosi. Avviata un’ispezione entro 10 km dalla casa della vittima.

Dopo che martedì scorso è morto un ragazzo di 11 anni in Gurgaon, un distretto dell’Haryana in India, di influenza aviaria H5N1, detta anche influenza aviaria all’AIIMS. I dipartimenti di salute della città di Gurgaon hanno iniziato a ispezionare l’area intorno alla casa del ragazzo, nel villaggio di Chakkarpur, e gli allevamenti di pollame in tutto il distretto. (clicca qui per sapere di più sulla situazione sanitaria nella città di Gurgaon)

Dopo che il caso di contagio è stato confermato le forze dell’ordine hanno avviato un’indagine entro un raggio di 10 km dal villaggio di Chakkarpur dopo che i funzionari

“Un totale di 17 squadre stanno lavorando per perlustrare il villaggio e un’area di 10 km intorno. Queste squadre, costituite dal dipartimento della salute, stanno andando di casa in casa per ottenere informazioni su eventuali sintomi di influenza aviaria che potrebbero aver sperimentato”, ha affermato la dottoressa Punita Gehlawat, vicedirettore del dipartimento di allevamento degli animali. “Inoltre, le squadre del dipartimento di allevamento degli animali controllano continuamente anche gli allevamenti di pollame nel distretto. Ci sono un totale di 28 squadre formate appositamente per questo scopo”, ha detto Gehlawat.

Il vice commissario Yash Garg ha fatto appello ai residenti del distretto affinché allertino immediatamente il dipartimento per la zootecnia di eventuali “animali malati o morti”. “Non c’è pericolo nel mangiare pollo o uova ben cotti poiché, secondo gli esperti, il virus viene distrutto a una temperatura di 70 gradi. Le persone dovrebbero principalmente evitare di entrare in contatto con polli e volatili malati”, rassicura il funzionario delle forze dell’ordine locali.

POTREBBE INTERESSARTI: Molise, un cobra semina il panico nel paesino – FOTO

Inoltre il vice commissario Garg ha anche emesso un avviso per gli allevatori di pollame e quelli associati all’attività avicola, affermando che non dovrebbero entrare in contatto diretto con i polli e si consiglia di usare guanti o altri dispositivi di protezione. “Non toccare le piume, il muco e il nido dei volatili. In caso di contatto per qualsiasi motivo, lavarsi immediatamente le mani accuratamente con sapone e tenere i polli nel capannone. Nel caso di animali infetti uccidili e smaltiscili in modo sicuro”, si legge sull’avviso.