Vito Dell’Aquila, chi è la prima medaglia olimpica italiana

0
262

Cosa sapere su Vito Dell’Aquila, chi è la prima medaglia olimpica italiana, in finale nel taekwondo categoria 58 kg.

(Maja Hitij/Getty Images)

Si chiama Vito Dell’Aquila, è nato a Mesagne, in provincia di Brindisi, e non ha ancora compiuto 21 anni. Sarà lui il primo italiano a salire sul podio alle Olimpiadi di Tokio 2020. In mattinata ha infatti battuto Lucas Lautaro Guzmán, un atleta di taekwondo argentino, nella semifinale della categoria 58 kg. Adesso quindi affronterà il tunisino Mohamed Khalil Jendoubi.

Ti potrebbe interessare –> Jessica Springsteen, la figlia del Boss che sogna le Olimpiadi

L’appuntamento con la storia per lui è alle 14.45: si tratta di un appuntamento davvero importante per l’atleta pugliese, che ha battuto nettamente per 29-10 il rivale argentino. Guzman ha vinto una medaglia di bronzo ai Campionati mondiali di Taekwondo 2019 nella categoria pesi mosca maschile. Dell’Aquila era riuscito a vincere due anni prima.

Ti potrebbe interessare –> Ondina Valla, la storia della prima italiana a vincere l’oro alle Olimpiadi

Chi è Vito Dell’Aquila, star del taekwondo medaglia olimpica

Nel palmarès dell’azzurro c’è infatti una medaglia di bronzo nella categoria 54 kg ai Mondiali di Muju 2017. Stesso colore della medaglia poi vinto agli Europei disputati a Kazan nel 2018. Per lui c’è anche un oro nel 2019 a Bari. Comunque vada, dunque, per l’italiano non solo è un sogno che si realizza, ma è anche la miglior performance in assoluto da quando combatte nel taekwondo, a livello internazionale.

Peraltro, vista la giovane età è anche un buon viatico per il futuro. Insomma, Vito Dall’Aquila è anche un atleta da guarda in prospettiva. Ha iniziato a otto anni a praticare questa disciplina nella palestra del maestro Roberto Baglivo. Nel suo palmares, l’oro al Grand Prix final di Mosca battendo il numero uno del ranking, il coreano Jun Jang. Intanto nella giornata di oggi altre speranze di medaglia potrebbero arrivare sia dalla scherma, con la sciabola maschile e femminile, sia nel canottaggio. La speranza è che sia la medaglia più pregiata.