Tokyo 2020, solo argento per la Bacosi nella gara skeet del Tiro a Volo

0
354

La tiratrice umbra Diana Bacosi ha conquistato la medaglia d’argento nella gara  skeet di Tiro a Volo alle Olimpiadi di Tokyo 2020.

Diana Bacosi

La campionessa olimpica di Rio de Janeiro 2016, Diana Bacosi, ha perso la finale della gara skeet di Tiro a Volo all’Olimpiade di Tokyo 2020 ed ha cosi conquistato la medaglia d’argento.

—>>> Leggi anche Tokyo 2020, altre due medaglie, argento e bronzo, per l’Italia

La tiratrice di Città della Pieve, comune di 7000 abitanti alle porte di Perugia, 38 anni lo scorso 13 luglio, è stata superata dall’americana Amber English, vincitrice della medaglia d’oro, per un solo colpo. 56 i piattelli colpiti dalla nuova campionessa olimpica contro i 55 colpiti dall’atleta dell’Esercito Italiano. Nonostante il grande impegno e la grande determinazione la Bacosi non riesce cosi a bissare il successo di cinque anni fa.

Diana Bacosi argento nello skeet a Tokyo 2020

La medaglia di bronzo è invece appannaggio dell’atleta cinese Wei Meng. Eliminata nel corso della gara l’altra azzurra, la 43enne friulana Chiara Cainero, giunta ventesima con uno score di 114 su 125. Ricordiamo che la Caneiro è stata campionessa olimpica a Pechino 2008 ed argento, alle spalle della Bacosi, a Rio de Janeiro 2016.

Nonostante la delusione, palpabile, Diana Bacosi ha comunque tenuto alto, altissimo, il livello del tiro a volo italiano tanto da guadagnarsi l’encomio pubblico del Generale dell’Esercito e Commissario straordinario per l’emergenza COVID Francesco Paolo Figliuolo “Complimenti alla Difesa, all’Esercito e Viva l’Italia”.

Con questa medaglia d’argento Diana Bacosi amplia, ulteriormente, il suo già nutritissimo palmares. La bacheca dell’atleta perugina ora è composta dal già citato oro olimpico di Rio de Janeiro 2016, dai tre Campionati Mondiali, nello skeet a squadre a Lima nel 2015 e Lonato nel 2016 e individuale, nel 2019 sempre a Lonato, e da vari titoli europei sia personali che di squadra conquistati nel 2004, nel 2005, nel 2007, nel 2008, nel 2013, nel 2014 e nel 2018.