Domenica Bestiale: il brano di Fabio Concato per la moglie Elisabetta

0
236

Domenica Bestiale, è il brano che Fabio Concato dedicò a sua moglie Elisabetta Pesarese, la coppia si è sposata il 16 Luglio del 1980.

Domenica Bestiale, Fabio Concato ha dedicato la canzone a sua moglie Elisabetta (Getty Images)
Domenica Bestiale, Fabio Concato ha dedicato la canzone a sua moglie Elisabetta (Getty Images)

Durante la pandemia lo scorso anno hanno festeggiato i loro 40 anni di matrimonio, la moglie Elisabetta ricorda il periodo del loro fidanzamento come uno dei più felici della sua vita.

Proprio in quel periodo Fabio Concato ha scritto la sua canzone più famosa, Una Domenica Bestiale, per poi essere pubblicata due anni dopo il suo matrimonio, la realtà era che ha scritto la canzone durante il suo fidanzamento.

Una delle canzoni più famose dell’artista è dedicata proprio a sua moglie, infatti grazie a quella canzone nata dal sentimento di Fabio nei confronti di Elisabetta, ha acquistato la fama mondiale.

Alcune volte quando ripensa al passato, il cantante crede che senza quell’incontro forse avrebbe cambiato mestiere, oppure avrebbe avuto diverse difficoltà nell’emergere come artista.

Dall’amore tra Fabio Concato ed Elisabetta Pesarese sono nate due figlie Carlotta e Giulia, alla primogenita Carlotta è dedicata la canzone “Fiore di Maggio”, infatti la prima figlia è nata il 24 Maggio.

Durante Luglio del 2020 Carlotta è anche diventata madre della piccola Nina Matilde, facendo diventare nonni Fabio ed Elisabetta per la prima volta.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Fabio Concato, il cantautore e la sua nuova importante sfida

Domenica Bestiale, il brano dedicato a sua moglie Elisabetta fu scritto durante il loro fidanzamento

Al momento della nascita della sua nipotina, Fabio Concato postò su Instagram una foto dove lo ritraeva in compagnia di Nina Matilde. Mentre alla sua seconda figlia Giulia è stata dedicata l’omonima canzone.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Rosalina di Fabio Concato è esistita? La sua risposta

Infatti parla del rapporto che ha sempre avuto con sua figlia, ovvero quello tra un uomo e una figlia che viaggiano come se fossero fidanzati, la loro passione di vita e il loro bene immenso riesce a portarli verso scenari magici e unici nel loro genere.

La canzone parla di un viaggio intrapreso quando una Milano dorme ancora, e al risveglio l’autore si ritrova la donna che ha sempre amato. Tutto sembra essere come nelle favole, la normalità diventa una fantasia che lascia trascinare gli eventi e l’amore, ad un certo punto si torna bambini dove tutto viene inteso come “bestiale” ed ingenuamente primordiale.