Una multa record per Amazon da 746 milioni

0
166

Un duro colpo fa perdere 13 miliardi a Jeff Bezos. Il motivo? Una multa da record pari a 746 milioni nei confronti del colosso Amazon: la sanzione è arrivata dopo un’indagine partita nel 2018, dopo la denuncia di un gruppo francese.

Jeff Bezos, fondatore ed ex CEO di Amazon. Amazon multata per 746 milioni milioni di euro, per la violazione di dati personali. (Photo by Alex Wong/Getty Images)

Nel 2018 il gruppo francese “La Quadrature du Net”, che si occupa di diritti sulla privacy, aveva fatto avviare un’indagine dopo una denuncia per la violazione dei dati personali da parte di Amazon. Oggi, dopo tre anni, l’indagine si è evoluta in una multa salatissima nei confronti del colosso fondato dal miliardario Jeff Bezos. Si tratta della sanzione più costosa nella storia dell’Unione europea nei confronti di un’azienda. Ad emetterla è stata la Commission Nationale du Débat Public (CNDP), l’autorità lussemburghese per la protezione dei dati, che ha verificato la violazione della normativa per la protezione dei dati personali (GDPR).

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Voli spaziali, Porsche SE sfida Bezos e Musk?

Amazon aveva appena diffuso i dati sul secondo trimestre e, dopo l’arrivo della notizia un crollo in borsa, chiudendo a −272,33 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Jeff Bezos non è più il CEO Amazon: al suo posto Andy Jassy

Ed è proprio la somma della sanzione a far discutere. Non solo perché è la più pesante della storia dell’Ue in questo contesto, ma anche perché il divario con la multa emanata dalla CNIL francese (Commission Nationale de l’Informatique et des Libertés) nei confronti di Google, era stata di soli 50 milioni di euro nel 2019. Ma la storia sembra percorrere un altro verso, anche perché ad oggi e con l’implementazione di nuove norme del 2018, l’Ue ha un potere sempre più decisivo per la tutela dei dati personali.