Covid-19 in Italia, i dati di oggi: Rt al 2,3%

0
334

Covid-19: nelle ultime settimane, l’aumento dei contagi in Italia ha messo in guardia il ministero della Salute, tanto da spingere l’esecutivo a velocizzare la decisione sul Green Pass. Alcune Regioni sembrano avvicinarsi alla soglia massima e la paura di un ritorno all’interno delle fasce colorate preoccupa una buona parte del Paese.

In Italia i nuovi casi di Covid-19 nelle ultime 24 ore sono stati 4.845- tasso di positività al 2,3% (Photo by Stefano Guidi/Getty Images)

Sono 4.845 i nuovi casi in Italia nelle ultime 24 ore, contro i 3.190 di ieri. I decessi sono stati invece 27. I tamponi effettuati sono stati 209.719. Il dato negativo, oltre quello dei decessi, riguarda l’aumento dei ricoverati nei reparti ordinari +126 e nelle terapie intensive +9. Il tasso di positività attesta al 2,3%, (1,87 appena 7 giorni fa). A riferirlo è il bollettino giornaliero del ministero della Salute. Tra meno di tre giorni in Italia entreranno ufficialmente in vigore le nuove regole sul green pass. Si attente la decisione sull’obbligatorietà del vaccino per il personale scolastico – che sembra però abbracciare una soluzione intermedia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Quarta ondata Covid in Italia: la previsione del matematico vicino a Draghi

Le regioni con il maggior numero di casi nelle ultime 24 ore sono: la Sicilia (+809 e 6 decessi), Veneto (+663), Lombardia (+586), Lazio (+421), Emilia-Romagna (+365). In Alto Adige è invece polemica dopo che i dati hanno confermato che ancora 2.191 sanitari non si sono sottoposti a vaccinazione. Per quanto riguarda l’obbligo di possesso della certificazione verde, con la nuova norma in partenza dal 6 agosto, le multe sfioreranno i 1.000 euro, in caso di assenza del certificato ove richiesto, ma anche nel caso sia scaduto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid: il mondo ripiomba nella paura di una nuova ondata

Nel mondo la situazione dettata dalla pandemia da Covid-19 non sembra andare nel miglior verso. Wuhan, in Cina è costretta ad attraversare un semi-lockdown a causa della variante Delta e della positività di alcuni soggetti. Le autorità hanno inoltre  avviato uno screen sull’intera popolazione, applicando in diverse aree anche il divieto di circolazione dei veicoli privati. Disposta anche la chiusura di tutte le scuole e le autorità spingono per accelerare la vaccinazione. Nel Lazio prosegue intanto il lavoro per rispristinare i portali dopo l’attacco hacker nei confronti dei sistemi telematici della Regione, continuano quindi i disagi, anche se, l’assessore alla Salute D’Amato, parla di un ripristino delle prenotazioni entro 72 ore.