Whatsapp, aggiornamento per chi lavora con l’app: la novità era attesa

0
292

Whatsapp, l’app di messaggistica sta mettendo a punto una grande novità attesa soprattutto per chi ogni giorno lavora con lo smartphone

WhatsApp

Ormai da qualche anno Whastapp ha cambiato totalmente il modo di comunicare e quindi le vite di tutti. È uno strumento indispensabile e fondamentale anche per lavoro. In alcuni casi è un supporto per svolgere in modo più agile la propria professione in altri è invece fondamentale soprattutto nella sua versione web, senza la quale sarebbe impossibile lavorare.

Secondo alcune indiscrezioni che si trovano sul web, riportate in particolare da tecnoandroid, sarebbe in arrivo un aggiornamento importantissimo che fa esultare in modo particolare chi lavora tramite Whatsapp.

Entro la fine dell’anno dovrebbe arrivare la novità che consente di usare un solo account su più dispositivi, fino a un massimo di quattro. Una condizione che sarebbe molto favorevole per chi ogni giorno è costretto a usare il proprio smartphone con un device aziendale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Come giocare online usando WhatsApp: ecco il trucco

Whatsapp, le novità sulla conservazione dei dati

whatsapp, sarà possibile scegliere la qualità dei video inviati
Credit: Pixabay

Questa possibilità non comprometterà la crittografia end-to-end, il sistema di protezione delle conversazioni e dei contenuti scambiati tra due dispositivi. L’obiettivo non solo fare un passo avanti in ambito tecnologico e rendere più comodo il lavoro dei cosiddetti Smart Workers ma anche per rispondere alla concorrenza. Telegram, infatti, già consente di utilizzare il proprio account su più dispositivi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Una multa record per Amazon da 746 milioni

Le indiscrezioni su altre probabili novità di Whatsapp riguardano la conservazione e l’eliminazione dei messaggi. Si potrà scegliere di eliminare automaticamente i messaggi inviati e ricevuti dopo un certo periodo di tempo dalla visualizzazione, si va dalle ventiquattro ore ai sette giorni. Ci sono voci che riguardano invece l’eliminazione solo dei contenuti multimediali più grandi che occupano maggiore spazio.