Olimpiadi, Antonella Palmisano conquista l’oro nella marcia 20 km

0
310

L’Italia conquista la sua 36esima medaglia alle Olimpiadi di Tokyo grazie ad Antonella Palmisano: l’atleta azzurra ha vinto l’oro nella marcia 20 km, riscattando così l’amaro quarto posto di Rio 2016.

palmisano oro nella marcia
Credit: Alexander Hassenstein/Getty Images

Dopo una notte senza medaglie, è Antonella Palmisano a consentire all’Italia di eguagliare il record di 36 podi registrato ai Giochi di Los Angeles 1932 e Roma 1960. L’atleta azzurra ha vinto l’oro nella marcia femminile 20 km delle Olimpiadi di Tokyo dopo una gara straordinaria, rimanendo nel gruppo di testa fin dall’inizio. A circa 4 km dal traguardo Palmisano è poi scattata in un’incredibile volata, guadagnandosi la fuga e chiudendo in 1 ora, 29 minuti e 12 secondi.

Il successo della marciatrice tarantina conferma l’ottima strada intrapresa dall’Italia nell’atletica: nella giornata di ieri, giovedì 5 agosto, era arrivato l’oro anche nella marcia 20 km maschile grazie alla vittoria di Massimo Stano, da aggiungere alle imprese di Marcell Jacobs e Gianmarco Tamberi. Adesso cresce l’attesa per la 4×100 maschile, in programma nel pomeriggio alle 15.50 italiane: l’obiettivo è superare le 36 medaglie per scrivere una nuova pagina nella storia delle Olimpiadi della delegazione azzurra. Al momento la certezza è che l’Italia concluderà la prestigiosa competizione nella Top Ten del Medagliere.

Ti potrebbe interessare anche -> Jacobs torna in pista per la finale della staffetta: chi sono i suoi compagni

Olimpiadi di Tokyo 2020, Antonella Palmisano vince la medaglia d’oro: è la sua rivincita

Quello di oggi per Antonella Palmisano è un vero e proprio riscatto: la marciatrice pugliese delle Fiamme Gialle non era infatti riuscita a salire sul podio in occasione dei Giochi Olimpici di Rio 2016, classificandosi al quarto posto nella marcia 20 km femminile.

Ti potrebbe interessare anche -> Mattia Busato: sogno olimpico per il karateka azzurro

Negli anni successivi si era poi rifatta vincendo la Coppa Europa a Podebrady, la medaglia di bronzo ai Mondiali di Londra e un altro bronzo agli Europei di Berlino. Ma, come tutti gli atleti dicono, salire sul podio di un’Olimpiade ha un altro sapore. La vera rivincita dell’atleta azzurra sui Giochi di Rio risiede quindi nell’oro conquistato a Tokyo, tra l’altro nel giorno del suo 30esimo compleanno. Uno straordinario regalo per se stessa e per tutti i tifosi italiani.