GP Stiria, incidente Pedrosa Savadori: moto in fiamme – VIDEO

0
715

Grave incidente al GP di Stiria, contatto tra Pedrosa e Savadori: moto in fiamme, il video del pauroso schianto, piloti incolumi.

Incidente choc poco fa nel corso del GP di Stiria, valido per la MotoGP: coinvolti un decano delle due ruote come Dani Pedrosa e il 28enne romagnolo Lorenzo Savadori. Sulla pista del Red Bull Ring la gara era appena iniziata, giusto una manciata di giri prima del disastro. I due piloti sono entrati in contatto e sono caduti. Prima l’Aprilia di Savadori e pochi istanti dopo la KTM di Pedrosa sono andate completamente in fiamme.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Lionel Messi lascia il Barcellona: il vero motivo dell’addio ai catalani

Pedrosa sarebbe scivolato nell’uscita del tornatino di curva 3, mentre il pilota cesenata stava sopraggiungendo e non è riuscito a evitarlo. Lo ha centrato in pieno ed è davvero un evento miracoloso che nessuno si sia fatto male. O meglio, Pedrosa non ha riportato alcun problema fisico. Invece, un po’ più di preoccupazione c’è stata per Lorenzo Savadori. Anche questi però è stato portato via dalla pista ancora lucido e cosciente, benché in barella.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Mara Venier svela il trucco: ecco perchè vanno tutti da Barbara D’Urso

Le condizioni di Pedrosa e Savadori dopo l’incidente

Savadori è stato trasportato al Centro Medico per gli accertamenti di rito, intanto dall’Aprilia, Fabrizio Cecchini, intervistato da Sky Sport, ci tiene a evidenziare: “Queste cose qui non dovrebbero succedere, le piste dovrebbero essere sicure. Non bisogna andare nelle piste dove ci sono rischi così”. L’incidente che ha coinvolto i due piloti dunque lascerà senza dubbio diversi strascichi polemici, vista la modalità in cui è avvenuto.

In ogni caso, una volta arrivato al Centro Medico, Savadori è stato sottoposto a esami che hanno escluso fatture. Il pilota della MotoGP azzurro avrebbe riportato una forte contusione al piede destro. A quando pare, nulla di significativo. Ma purtroppo il mondo delle due ruote si è rivelato estremamente pericoloso e gli incidenti, spesso anche molto gravi, sono purtroppo all’ordine del giorno.