Due anni senza Nadia Toffa: “Simbolo di ribellione alla malattia”

0
207

Nadia Toffa due anni fa ha spesso di lottare contro il cancro: i colleghi de Le Iene la ricordano sui social

Nadia Toffa (Instagram)

Era il 13 agosto del 2019 quando la nota e amata giornalista de Le Iene Nadia Toffa ci lasciò dopo una malattia. Del programma era diventato uno dei volti più simpatici e anche conduttrice. Le sue inchieste sono state seguitissime ed era amata anche il modo in cui raccontava vicende tristi e delicate come quella della Terra dei Fuochi.

La giornalista ha sempre tenuto acceso i riflettori su quanto succedeva (e purtroppo succede ancora) nel vasto territorio tra le provincie di Napoli e Caserta. Si è occupata anche di altre questioni ambientali denunciato la distruzione della natura e le malattie causate. E proprio una malattia non l’ha lasciata scampo.

Oggi i colleghi de Le Iene la ricordano con un messaggio e una semplice foto: il suo volto con un cuore. “Era diventata la Nadia Toffa di tutti – hanno scritto – simbolo positivo di ribellione alla malattia e resilienza”. Colleghi e non che con lei hanno condiviso qualcosa “la ricordano in questo doloroso anniversario con un semplice messaggio social: una sua immagine e un cuore”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Nadia Toffa oggi avrebbe 42 anni: mamma Margherita continua la battaglia

Nadia Toffa, il ricordo del Presidente della Repubblica

Foto Instagram

Nadia Toffa aveva 40 anni quando esattamente due anni fa è morta presso il Domus Salutis di Brescia, l’ospedale dove fu ricoverata nelle settimane precedenti per l’aggravarsi del cancro contro il quale combatteva con il sorriso. La giornalista è infatti diventata simbolo di come affrontare un male del genere. Il travaglio l’ha raccontato suo social e anche in un libro, Fiorire d’inverno.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> “Nadia Toffa mi disse: ho una Panda e 5mila euro, ci vivo un anno”

La sua scomparsa fu un colpo non solo la redazione, gli amici e i colleghi de Le Iene ma tutta l’opinione pubblica. Anche il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella rimase colpito dalla sua morte e con un Tweet ricordò “la vivacità e simpatia del suo impegno di giornalista e il coraggio con cui ha affrontato la malattia”.