Rocky V, il finale censurato: Balboa doveva morire ucciso da Gunn

0
315

La versione originale di Rocky V, il finale censurato: il protagonista Balboa doveva morire ucciso da Tommy Gunn.

(screenshot video)

Per ben 16 anni, il personaggio di Rocky Balboa – dopo cinque intensi episodi della saga interpretata da Sylvester Stallone – è andato in standby. Infatti, il quinto episodio andò al cinema nel 1990, poi solo nel 2006 Stallone diresse e interpretò Rocky Balboa. Successivamente, sono usciti al cinema i due spin off su Adonis Creed, il figlio di Apollo, amico e rivale di Rocky, poi morto sotto i colpi di Ivan Drago.

Leggi anche –> Tommy Gunn, chi è l’attore del film Rocky V: dal ring all’Hiv

Quello che non tutti sanno è che Rocky V avrebbe dovuto concludere la saga: il piano originale era che l’iconico eroe di Sylvester Stallone venisse ucciso. Rocky Balboa, ex pugile campione del mondo ma anche perenne perdente, è un personaggio del film che tutti conoscono, indipendentemente dal fatto che abbiano visto o meno la serie Rocky. È un’istituzione culturale, un’icona che, al suo meglio, rappresenta il potere della perseveranza.

Leggi anche –> Tommy Gunn, il pugile di Rocky V: come è morto, il dramma

Perché Rocky Balboa è il miglior personaggio di Sylvester Stallone?

Mentre alcuni potrebbero obiettare che John Rambo è il personaggio caratteristico di Stallone, Rocky Balboa è probabilmente molto più degno del titolo, in parte perché se non fosse stato per il successo di Rocky, è possibile che Rambo non si sarebbe materializzato per Stallone qualche anno dopo. Il primo film di Rocky è meritatamente considerato un classico di tutti i tempi. Va anche detto che i vari sequel non raggiunsero mai i livelli della prima pellicola.

Rocky 5 è un film di cui lo stesso Stallone non è più nemmeno un fan, ed è generalmente considerato il peggiore della serie. Sebbene abbia i suoi fan, la maggior parte sarebbe d’accordo sul fatto che non fosse affatto degno di essere il canto del cigno permanente di Rocky. Tuttavia, è stato molto vicino ad essere proprio questo. Dopo l’ultima rissa di strada tra Rocky e il suo ex protetto Tommy Gunn, in cui un Rocky già ferito subisce un sacco di danni aggiuntivi, l’ex campione avrebbe dovuto morire per le ferite riportate con il suo amore, Adriana Pennino, anche lei italoamericana come il protagonista, al suo fianco. Invece, il regista John G. Avildsen è stato contattato dal capo dello studio di produzione United Artists, che ha sostenuto che Rocky Balboa era troppo amato e iconico per essere ucciso. Il finale venne così cambiato.