Damiano dei Maneskin a Un medico in famiglia: il cantante nella fiction

0
276

Damiano dei Maneskin nel 2016 per un episodio ha avuto ‘un ruolo’ nella famosa fiction della Rai: qual è stato

(screenshot video)

Damiano dei Maneskin è ora sulla bocca di tutti dopo che con la sua band ha vinto l’ultima edizione del Festival di Sanremo e l’Eurovision. Già qualche anno fa, nel 2016, il suo volto è apparto in tv, in una delle fiction più amate dagli italiani, Un medico in famiglia, con Lino Banfi nei panni del mitico nonno Libero.

La sua non è stata una vera e propria recitazione, non ha mai pronunciato una parola né è mai stato sul set. Era l’undicesima puntata della decima stagione quando il ragazzo ha prestato il suo volto per la serie televisiva. In una scena si vede Bobò, il figlio di Bobò Martini che spulcia un profilo Facebook. Si tratta di un tale Luigi Pacchiarotti e il suo volto è quello del frontman dei Maneskin.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Don Everly, muore il cantante degli Everly Brothers all’età di 84 anni

Damiano dei Maneskin volto di Facebook

Damiano dei Maneskin in Un Medico in famiglia (screen)La comparsata di Damiano David era emersa circa un anno fa ma solo ora, con la band romana che sta collezionando un successo dietro l’altro e che scalando tutte le classifiche, la notizia ha trovato maggiore diffusione grazie soprattutto ai fan che stanno condividendo sul social quei pochi secondi dell’episodio.

Intanto la band continua ad inanellare successi. Su Spotify sono i più ascoltati con ben 34 milioni e sono primi con la canzone Beggin nella Top 50 Global Chart di Spotify. Nella classifica ordinaria, invece, hanno due brani: I Wanna Be Your Slave all’ottavo posto e Zitti e buoni che risulta in posizione numero 37.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> I Maneskin fanno ballare l’Europa, senza mascherine e distanziamento

In questi giorni i Maneskin sono stati invasi da un mare di polemiche per un concerto tenuto in Polonia dove non c’è stato alcun controllo né distanziamento. Migliaia e migliaia i giovani che hanno partecipato all’evento e che hanno ballato senza mascherine.