UB40, lutto tremendo: morto Brian Travers, dramma nella musica

0
351

Lutto tremendo per la storica band che ha rivoluzionato il reggae, gli UB40: morto Brian Travers, dramma nella musica.

(John Phillips/Getty Images)

Il sassofonista e co-cantautore degli UB40 Brian Travers, nonché uno dei membri fondatori del gruppo reggae in vetta alle classifiche, è morto all’età di 62 anni. I suoi compagni di band si sono detti “devastati” dalla notizia del “nostro compagno, fratello, membro fondatore degli UB40 e leggenda musicale”. Hanno spiefato che ha sopportato una “lunga ed eroica battaglia contro il cancro”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Damiano dei Maneskin a Un medico in famiglia: il cantante nella fiction

Ha subito un intervento chirurgico per rimuovere due tumori cerebrali nel 2019 e secondo quanto riferito ha avuto un’altra operazione all’inizio di quest’anno. Brian Travers è stato una parte fondamentale della formazione degli UB40 come sassofonista, arrangiatore e paroliere. La notizia della sua morte è stata rilanciata dalla BBC.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> “Con l’auto contro l’albero”, Antonello Venditti choc sul suicidio

Chi era Brian Travers, addio alla leggenda degli UB40 e del reggae

Il gruppo, di Birmingham, ha trovato il successo nel 1980 con Food For Thought, il loro primo singolo nella top 10 del Regno Unito, prima di avere ulteriore successo con I Think It’s Going to Rain Today, One in Ten e cover di Red Red Wine e I Got You Babe. In totale, hanno registrato 39 singoli tra i primi 40 nel Regno Unito e 28 album tra i primi 40 e hanno venduto 100 milioni di album in tutto il mondo. Il loro brano di maggior successo, Kingston Town, è stato un tormentone del 1989.

Travers formò la band con un gruppo di compagni di scuola alla fine degli anni ’70, e la mancanza di lavoro in città li spinse a “prendere in prestito” il nome della band dal modulo ufficiale di sussidio di disoccupazione 40, utilizzato dalle persone che firmano il sussidio. “Avevamo appena firmato e qualcuno ha detto ‘UB40’ e abbiamo capito subito che era il nome della band”, ha detto Travers a The Telegraph nel 2010. Quel nome gli portò fortuna fino ad anni recenti.