Antonio Fantin, il nuotatore paralimpico che ha battuto molti record

0
384

Antonio Fantin, è il campione e primatista mondiale di nuoto paralimpico, è anche diplomato al Liceo Scientifico Ettore Leonida Martin, con il massimo dei voti.

Antonio Fantin, chi è il nuotatore paralimpico che ha battuto i record (Foto dal web)
Antonio Fantin, chi è il nuotatore paralimpico che ha battuto i record (Foto dal web)

Il 2020 e il 2021 è stato un anno difficile per diversi atleti che stavano cercando di migliorare la loro preparazione atletica in vista dei Giochi Paralimpici Estivi di Tokyo 2020, i quali sono stati posticipati a causa del Covid.

Il nuotatore sta preparando questa paralimpiadi dal 2017, ha riorganizzato tutto il lavoro un po’ alla volta, tenendo d’occhio sempre la situazione generale. A livello psicologico non ha risentito molto del lockdown, ed è stato sempre ottimista per quanto riguarda la voglia di rientrare.

Mentre a livello fisico dopo circa due mesi di stop ha sviluppato una sensibilità diversa all’acqua, anche la resistenza ne ha risentito, ma nonostante tutto ha avuto il tempo per recuperare la sua forma ottimale.

Per alcuni traguardi c’è bisogno della forza d’animo costante, soprattutto quando la voglia viene a mancare e qualche volta si ha il pensiero di mollare tutto.

Da sempre il nuotatore ha avuto voglia di mettersi in gioco, dimostrando che nonostante la sua giovane età può dare costanza e soprattutto un futuro ai suoi progetti.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Diego Gastaldi chi è, l’atleta paralimpico italiano: biografia e successi

Antonio Fantin, ama lavorare sodo sentire la spossatezza dopo l’allenamento è segno che ci saranno risultati

La pressione fisica e psicologica riesce a trasformarla in una carica positiva per il suo progetto. Le sue sedute d’allenamento sono molto lunghe, al tempo stesso anche i pensieri sono tanti e focalizzati sul nuoto.

Il suo punto di forza è la concentrazione, tramite questo talento riesce a svolgere degli allenamenti lunghi e costanti, le sue prestazioni sono sempre mirate a come se stesse svolgendo una gara.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Veronica Yoko Plebani: la vittoria sulla meningite e la sua seconda vita

In questo modo dare il 100% diventa una sorta d’allenamento ottimale, il suo modo di pensare è quello di dare il massimo in ogni occasione. Inoltre il nuotatore riesce a non distrarsi ogniqualvolta è in vasca, tramite la concentrazione massima riesce a raggiungere prestazioni elevate.

In alcuni allenamenti cerca di attuare le tattiche di gara, questo può risultare sfiancante ma a lungo termine si è rivelato un ottimo allenamento per riuscire a capire i suoi punti di forza e le sue debolezze.