Addio a Igor Vovkovinskiy, il gigante buono da Guinness dei primati

0
225

Igor Vovkovinskiy, l’uomo più alto degli Stati Uniti, è morto in Minnesota: addio al gigante buono da Guinness dei primati.

(screenshot video)

Era quasi un mito per molti ragazzi: Igor Vovkovinskiy, l’uomo più alto degli Stati Uniti, è morto in Minnesota. Aveva 38 anni. La sua famiglia ha detto che Vovkovinskiy, nato in Ucraina, è morto di malattie cardiache venerdì presso la Mayo Clinic di Rochester, nel Minnesota. Sua madre, Svetlana Vovkovinska, infermiera in terapia intensiva a Mayo, ha pubblicato su Facebook la notizia della sua morte.

Potrebbe anche interessarti –> Pauline Potter morta? La bufala, cosa è successo alla donna

Vovkovinskiy è arrivato alla Mayo Clinic nel 1989 da bambino in cerca di cure. Un tumore che premeva contro la sua ghiandola pituitaria ha causato la secrezione di livelli anormali di ormone della crescita. È cresciuto fino a diventare l’uomo più alto degli Stati Uniti a due metri e 35. Suo fratello maggiore, Oleh Ladan di Brooklyn Park, ha detto allo Star Tribune di Minneapolis che Vovkovinskiy era una celebrità quando è arrivato dall’Ucraina a causa delle sue dimensioni.

Potrebbe anche interessarti –> Gian Marco Oddo: atleta del parkour da Guinness dei Primati – VIDEO

La storia di Igor Vovkovinskiy, l’uomo più alto degli Usa

Ma il fratello dell’uomo ha anche affermato che Vovkovinskiy “avrebbe preferito vivere una vita normale piuttosto che essere conosciuto”. L’uomo è apparso anche in show televisivi ed è stato chiamato da Barack Obama durante un comizio elettorale nel 2009, quando il presidente lo ha notato vicino al palco con indosso una maglietta con la scritta “Il più grande sostenitore di Obama del mondo”. Secondo il Guinness World Records, l’uomo più alto del mondo è Sultan Kösen, dalla Turchia. Nel 2016, è stato misurato a quasi due metri e cinquanta.

Secondo la stessa fonte, la persona più alta mai registrata era Robert Pershing Wadlow, dell’Illinois, che misurava due metri e settanta. Morì nel 1940 all’età di soli 22 anni, per una vescica settica alla caviglia destra causata da un tutore mal montato. Nel 2012, Vovkovinskiy ha emesso una richiesta di aiuto per coprire il costo stimato di $ 16.000 per scarpe appositamente realizzate che non gli avrebbero causato dolore paralizzante. Migliaia hanno donato più del doppio di quello di cui aveva bisogno. Reebok ha fornito gratuitamente le scarpe personalizzate.