Bonus bancomat: cos’è, come funziona e a chi spetterà

0
222

Dopo il Cashback, improntato a favorire i consumatori che ricorrono ai pagamenti elettronici, la nuova agevolazione da parte del Governo questa volta riguarda gli esercenti. Il Decreto Lavoro e Imprese favorirà negozianti, commercianti, ristoratori ed altre categorie di professionisti.Il periodo di durata sarà fino alla prossima estate e ci sarà la possibilità di ricevere degli incentivi per aver utilizzato il POS.

(Pixabay)

È stato da poco approvato dal Governo il Decreto Lavoro e Imprese, nel tentativo di trovare delle misure per quanto riguarda il fisco, la tutela dei lavoratori, dei consumatori ed il sostegno alle imprese. Tali iniziative vengono elaboratedal Governo per contrastare la crisi provocata dalla pandemia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Bonus tv, come ottenere i 100 euro per cambiare il vecchio apparecchio

Oltre agli aiuti di cui hanno bisogno lavorati, consumatori e imprese, lo Stato sta cercando di contrastare l’evasione fiscale. Esperimenti come il Cashback (che al momento è stato sospeso per il secondo trimestre del 2021) e il recente Bonus bancomat hanno lo scopo di diminuire i pagamenti tramite denaro contante e aumentare quelli elettronici.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Bonus Irpef di agosto, a chi spetta: i requisiti

Come funziona il Bonus bancomat

Il Bonus bancomat fornirà degli incentivi per gli esercenti, i professionisti, i commercianti ed i ristoratori che possono farsi pagare con il POS e che riusciranno a stimolare il pagamento elettronico da parte dei loro clienti. Il bonus consisterà in un aumento del credito d’imposta di una percentuale che potrà andare dal 30% al 100% per le commissioni addebitate a partire dall’1 luglio dell’anno corrente fino al 30 giugno dell’anno prossimo.

Il bonus prevede anche delleagevolazioni per chi acquista, noleggia e usa il POS, sempre nello stesso periodo di tempo, con un limite di 160€ a persona.

Per poter ottenere il bonus, è necessario che gli esercenti si rivolgano al proprio commercialista e che presentino la documentazione che prova l’utilizzo del POS.