Pippo Baudo: “L’ho scoperto io”, l’aneddoto sul grande attore

0
318

Protagonista di Techetechete è Pippo Baudo: “L’ho scoperto io”, l’aneddoto sul grande attore Massimo Troisi.

(screenshot video)

Si chiama “Indovina chi li ha scoperti?” la puntata di questa sera del format televisivo di Raiuno, Techetechete, che tiene compagnia all’estate degli italiani, subito dopo il tg delle 20. Nell’anteprima della trasmissione, vediamo una serie di volti noti come quelli di Claudio Baglioni, Amanda Lear e Tullio Solenghi, per citarne soltanto tre. Personaggi noti che hanno un minimo comune denominatore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Pippo Baudo “morto a 84 anni”, lui: “Non avete niente da fare…”

I telespettatori del programma lo hanno subito individuato: sono stati infatti tutti scoperti da Pippo Baudo, autentico mattatore della televisione italiana da oltre mezzo secolo. Tra i personaggi mostrati nell’anteprima, c’è anche un trio comico che ha esaltato milioni di telespettatori. Parliamo del trio La smorfia, composto da Massimo Troisi, Enzo De Caro e Lello Arena.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Pippo Baudo, 13 volte Sanremo: il clamoroso aneddoto

Massimo Troisi è stato scoperto da Pippo Baudo? Ecco le parole del conduttore

Il trio è apparso per la prima volta in televisione nel 1979 durante la trasmissione “Luna Park” e alla conduzione c’era proprio il Pippo Nazionale, che si può dunque affermare che abbia scoperto i tre comici. Come noto, i tre hanno poi intrapreso strade diverse, pur restando molto amici. In particolare, Lello Arena recitò in alcune pellicole dirette e interpretate dall’amico Massimo Troisi. Quest’ultimo, come noto, è scomparso prematuramente nel 1994, poco dopo aver terminato le riprese del film ‘Il Postino’.

Spetta proprio a Pippo Baudo, qualche anno fa, ricordare in un’intervista il grande attore nato a San Giorgio a Cremano. L’occasione fu un’intervista con Federico Pontiggia per Movie Mag, mentre il conduttore era ospite al Bari International Film Festival. Il celebre presentatore catanese si lasciò andare a un commosso ricordo del grande Massimo Troisi. Sostenne in particolare: “Ho conosciuto tanti attori e registi, ma chi ricordo con più affetto è Massimo Troisi. Sono stato tra gli scopritori della Smorfia e l’ho portato in TV: da allora mi ha lasciato un segno”.