Gennaro Leone, chi era il giovane pugile ucciso a Caserta

0
228

Morto Gennaro Leone, chi era il giovane pugile ucciso a Caserta con una coltellata: il talento era nel giro della Nazionale.

Aveva da poco compiuto 18 anni, Gennaro Leone – il giovane pugile ucciso nelle scorse ore a Caserta. Il talento italiano della boxe, secondo quanto ricostruito, sarebbe stato colpito a una gamba in una rissa. Si pensa che la lite tra un gruppo di giovani, poi drammaticamente degenerata, sarebbe scoppiata per futili motivi nella tarda serata di ieri. Il decesso del ragazzo sarebbe avvenuto intorno alle tre del mattino.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Heather Parisi, le accuse sul vaccino: scontro con Burioni

Dalla ricostruzione dei tragici fatti, fuori da un locale pubblico a Caserta sarebbe esplosa una rissa e il talento della boxe azzurra, nel giro della Nazionale di pugilato, sarebbe stato colpito da una coltellata sferrata da un suo coetaneo, il quale sarebbe stato già identificato. Il ragazzo, di San Marco Evangelista, è stato immediatamente soccorso e quindi è stato trasportato al Pronto Soccorso del Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Afghanistan: il calciatore Zaki Anwari morto cadendo da un aereo USA

Chi era Gennaro Leone: dramma nel pugilato italiano

Quando è giunto al nosocomio, in codice rosso, aveva perso molto sangue ed è subito dopo morto per dissanguamento. Il ragazzo era stato infatti colpito all’arteria femorale: una sola coltellata che non gli ha lasciato scampo. Secondo quanto si apprende, Gennaro Leone era una promessa del pugilato azzurro con uno score abbastanza importante: 14 vittorie, 2 pareggi e 2 sconfitte. Dieci le sue vittorie nelle ultime 12 sfide.

Pugile della Tixon Team Caserta, guidata dal maestro Antonio Coppola, Gennaro Leone era figlio di un ufficiale dell’Aeronautica Militare. Sua mamma è invece una nota imprenditrice. Dolore e commozione a San Marco Evangelista, dove il sindaco Gabriele Cicala si mostra sconvolto dalla tragedia. “Sta diventando una triste abitudine e trovo preoccupante, da genitore di due ragazzi, che ci siano giovani che girino in strada con un coltello in tasca”, dice. Cordoglio da parte della federpugilato, che si dice vicina “alla famiglia Leone e alla Asd Energy Boxe Caserta per la scomparsa di Gennaro”.