Fermato il tabaccaio del Gratta e Vinci rubato: ecco dove stava scappando

0
156

Il tabaccaio del rione Materdei di Napoli, accusato di aver rubato un gratta e vinci da cinquentomila euro ad una signora anziana, è stato fermato.

Tabaccaio gratta e vinci rubato

L’ormai famigerato tabaccaio del gratta e vinci rubato, G.S di 57 anni, titolare della rivendita del rione Materdei di Napoli, è stato rintracciato e denunciato a piede libero dagli addetti alla Dogana dell’Aereoporto di Fiumicino. L’uomo è accusato di aver sottratto ad un’anziana cliente un gratta e vinci del valore di cinquecentomila euro. A tanto ammonta la vincita fatta registrare dal prezioso tagliano.

I fatti. Nel tardo pomeriggio di sabato 4 settembre una anziana signora, residente nel rione Materdei, zona di Napoli situata tra la collina dei Camaldoli e la parte alta della città si è recata presso il punto vendita di G.S.

Incredibile, ma vero, la donna si era resa conto di aver acquistato nel locale un gratta e vinci da 5 euro il cui controvalore, dopo aver giocato, era risultato di mezzo milione di euro. La signora ha chiesto al tabaccaio di fare da tramite per l’incasso della considerevole cifra, ma la fiducia è apparsa mal riposta.

Fermato a Fiumicinoi il tabaccaio del Gratta e Vinci rubato

G.S. infatti, una volta entrato in possesso del tagliando, è uscito dal locale, si è avventato sullo scooter del figlio ed è scappato lasciando di sasso la donna, gli avventori del locale ed i parenti. La fuga però, è durata solo ventiquattro ore.

—>>> Leggi anche Napoli: tabaccaio scappa con il Gratta e Vinci da 500mila euro di un’anziana

Nella tarda mattinata di oggi, domenica 5 settembre, come spiega il sito esperto in vicende napoletane Vesuvius l’uomo è stato intercettato al Terminal dei Voli Internazionali dell’Aereoporto di Fiumicino dove si stava imbarcando per Fuerteventura. L’intento era, chiaramente, quello di fuggire in Spagna e da li, dopo aver incassato la vincita, far disperdere le proprie tracce.

L’uomo è stato denunciato a piede libero. Al momento dell’arresto G.S. non aveva con sé il tagliando che al momento è frutto di ricerca da parte della Compagnia Stella dei Carabinieri di Napoli. La sua fuga però, potrebbe non essere terminata, il mancato arresto, infatti, rende ancora possibile la partenza verso destinazioni ignote. Il mistero si infittisce e continua.