I Griffin, Fox multata per una puntata sulla nascita di Gesù

0
133

Una puntata de I Griffin ha provocato una sanzione alla Walt Disney (proprietaria della Fox) da parte dell’Agcom dopo un esposto della Lega

I Griffin (screen)

La nascita di Gesù se raccontata con ironia può causare danni economici, soprattutto se secondo le autorità di vigilanza l’ironia non c’è ma si tratta di offesa. L’Agcom, l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, ha multato la Walt Disney, proprietaria di Fox, il canale che manda in onda I Griffin, per la puntata Gesù, Giuseppe e Maria, trasmessa il 12 marzo 2021 tre le ore 18 e 18.30, quindi in fascia protetta.

Il tutto è nato da un esposto presentato dai parlamentari della Lega Roberto Calderoli e Daniele Belotti e l’Autorità ha ritenuto l’episodio “nocivo allo sviluppo fisico, psichico o morale dei minori”, sanzionando l’azienda con 62.500 euro.

C’è anche stato il tentativo di difesa da parte della Disney spiegando che I Griffin non è un programma per bambini ma creato per un pubblico più adulto. La collocazione del canale, hanno spiegato, è infatti nella numerazione dal 100 della lista Sky, lontano dal 600 delle reti per i bambini.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Anticipazioni La Casa di Carta: chi entra nel cast

Multa per I Griffin, Walt Disney: “Non è un programma per bambini”

Screen sigla I Griffin

La linea difensiva della Disney non è stata comunque convincente per l’Autorità che ha preso la decisione in base a dialoghi con “espressioni volgari” e “offese alle confessioni e ai sentimenti religiosi”.

Per l’Agicom l’episodio danneggia i “delicati complessi processi di apprendimento dall’esperienza e di discernimento tra valori diversi o opposti“, processi dove si sviluppa la personalità di un soggetto minorenne.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Grande Fratello Vip: svelati i cachet dei partecipanti, il più pagato

Su Facebook ha espresso soddisfazione il senatore della Lega Simone Pillon che ha parlato di “cartone blasfemo” e che l’educazione in ambiti delicati come la religione o la “morale sessuale” spetta ai genitori “e non ai messaggi ideologici dei big media o delle lobby”.