Heather Penney, la pilota dell’F-16 che era pronta a morire l’11 settembre

0
132

La storia straordinaria di Heather Penney, la pilota dell’F-16 che era pronta a morire l’11 settembre 2001.

La mattina dell’11 settembre 2001, mentre gli americani e tutto il mondo erano scioccati dall’attacco terroristico che avrebbe cambiato l’esistenza di tutti per sempre, il tenente Heather “Lucky” Penney e il suo gregario erano in volo sui loro F-16 Fighting Falcon disarmati su Washington DC. Il piano era di sacrificarsi per abbattere il volo 93, il Boeing 757 dirottato diretto al Campidoglio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Biden ha firmato la desecretazione dei documenti segreti sull’11 settembre

Heather Penney è nata nella base dell’aeronautica militare di Davis-Monthan verso la fine della guerra del Vietnam. Suo padre, il colonnello John Penney, era un pilota con molteplici missioni di combattimento alle spalle. La giovane Heather Penney è cresciuta vedendo suo padre in uniforme e ascoltando mentre lui e i suoi amici raccontavano storie sui loro viaggi di combattimento in Vietnam.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Dalle origini di Al-Qaeda fino all’11 settembre del 2001

Chi è Heather Penney: era pronta al sacrificio l’11 settembre 2001

In quell’ambiente, potrebbe non sorprendere che sia stata attratta dall’aviazione fin dalla tenera età, in particolare dalla potente nuova generazione di aerei da combattimento che stavano appena iniziando a emergere in quel momento. Quando Penney aveva 18 anni, aveva già la sua licenza di pilota privato, ma all’epoca gli Stati Uniti non consentivano alle donne di ricoprire ruoli di combattimento. Sapeva che, indipendentemente dalle sue abilità su un aereo, seguire le orme di suo padre semplicemente non era un’opzione. Si è così laureata in lettere e avrebbe dovuto fare l’insegnante.

Ma poco prima che Penney si iscrivesse alla scuola di specializzazione, il Congresso ha riconsiderato la posizione dell’America sulle donne in combattimento. Con la burocrazia che non le impediva più di mettersi dietro il timone di uno dei jet americani di alto livello, Penney si diresse direttamente all’ufficio di reclutamento locale della Air National Guard quando lo seppe. Voleva essere una pilota, seguire le orme del padre. La mattina di martedì 11 settembre 2001, la Penney è arrivata al lavoro, prendendo posto attorno al tavolo delle riunioni.

Era appena tornata da due settimane di addestramento al combattimento aereo in Nevada, ma era ancora una recluta senza molta esperienza nel caccia supersonico. Quello che accadde dopo è noto: per evitare che l’aereo dirottato si dirigesse sul Campidoglio, Heather Penney avrebbe fatto di tutto. Avrebbe anche sacrificato la sua vita. Per fortuna, non fu necessario.