Denise Pipitone: test del DNA per Sabrina

0
417

“Non sono io, ma farò comunque il test del DNA”, afferma Sabrina, portata da piccola a Tunisi da Mazzara del Vallo dopo la scomparsa di Denise Pipitone, ha dichiarato che si sottoporrà comunque al test. 

 

La bambina indiziata che il 2 settembre 2004 è partita da Trapani per Tunisi farà il test del DNA per confermare che non è Denise Pipitone. Dopo tanti dubbi nati dalle dichiarazioni dell’ex pm del caso Maria Angioni, ha parlato per la prima volta pubblicamente Sabrina, la ragazzina che partì per la Tunisia il giorno dopo il rapimento di Denise a Mazara del Vallo.

In un’intervista la giovane ha affermato di aver sporto querela nei confronti di Angioni per le supposizioni che ha fatto, e i genitori di Denis hanno dichiarato che faranno lo stesso. Sabrina ha spiegato come è impossibile che lei possa essere ricondotta alla bambina scomparsa, in quanto ha attestato che spesso faceva viaggi in Tunisia. Inoltre ha mostrato una certificazione scolastica che attesta che nel 2004 frequentava la scuola elementare, e quindi non aveva 4 anni, ovvero l’età in cui Denise aveva quando è sparita.

Nonostante queste evidenze la ragazza ha affermato senza paura che farà il test del DNA per scongiurare qualsiasi ipotesi che la possa ricondurre a Denise Pipitone.

I presunti depistaggi della Angioni su Denise Pipitone

Altre dichiarazioni dell’ex pm Angioni sul caso Denise riconducono a Vincenzo Tumbiolo, un carabiniere che secondo il magistrato era tra quelli che avevano perquisito la casa della vicina di Anna Corona. In realtà indagini più dettagliate hanno scoperto che si è trattato solo di un caso di omonimia, inoltre il carabiniere all’epoca non era operativo.

L’agente e la sua famiglia hanno passato degli anni difficili, e lo afferma l’avvocato di Vincenzo Tumbiolo, Giuseppe De Luca, dichiarando che per lungo tempo non sono usciti di casa a causa delle accuse ricevuto in un caso giudiziario nei primi anni 2000 dal quale il carabiniere fu assolto.

POTREBBE INTERESSARTI: Denise Pipitone, Anna Corona bidella nella scuola dedicata a Emanuela Loi

Ad aver avvertito l’agente di essere indagato sul caso Pipitone sono stati degli amici dell’uomo, che fu subito sconvolto dalla notizia. Proprio la dottoressa Angioni conosceva il caso perchè fu proprio lei ad assolvere il carabiniere, dunque le inquisizioni del magistrato erano completamenti “destituiti di qualsiasi fondamento”, afferma l’avvocato De Luca. Tumbiolo in effetti era stato sospeso dal 2002 all’inizio del 2006, quindi nel 2004 non avrebbe mai potuto eseguire la perquisizione dalla vicina di Corona.