Chi è Lara Carnevale, la compagna dell’attore Simone Montedoro

0
338

Ecco cosa sapere di Lara Carnevale, compagna di Simone Montedoro: i due stanno insieme da tanti anni e hanno un figlio, Matteo, nato nel 2004.

simone montedoro, chi è la compagna lara carnevale
(Instagram)

Il celebre volto di Don Matteo, Simone Montedoro, che nella fortunata serie interpreta il capitano Giulio Tommasi, è ormai da diversi anni fidanzato con un’atleta professionista. Stiamo parlando di Lara Carnevale, classe 1981, che il prossimo ottobre festeggerà 40 anni. Nella sua carriera sportiva ha praticato varie discipline, tra cui i 200 e gli 800 metri, il salto in lungo, il salto triplo e l’eptathlon. Il noto attore, più grande di otto anni, prima di intraprendere la relazione con lei era stato legato a Manuela Arcuri.

Ti potrebbe interessare anche -> Don Matteo, Terence Hill torna sul set: ai fan non sfuggono i dettagli

Cosa sapere di Lara Carnevale, compagna di Simone Montedoro

simone montedoro, chi è la compagna lara carnevale
(Instagram)

Lara Carnevale è sempre stata appassionata di sport e oggi, ormai messo da parte l’agonismo, lavora a Ibiza come istruttrice di Gyrotonic, disciplina basata sull’esecuzione di esercizi che permettono l’allungamento e il potenziamento muscolare. Sul suo profilo Instagram condivide spesso scatti legati allo sport, mentre è intenta a correre, ad allenarsi sulla spiaggia e in palestra, o a nuotare. Numerose le foto dedicate anche alla sua famiglia, composta da Simone Montedoro e il loro piccolo Matteo, nato nell’estate del 2014.

Ti potrebbe interessare anche -> Aldo, Giovanni e Giacomo nel cast di Don Matteo: ecco cosa c’è di vero

La coppia pur essendosi formata ormai tanti anni fa non è ancora sposata e, nonostante il loro amore continui a procedere a gonfie vele, non è detto che possa mai convolare a nozze. Il noto attore di Don Matteo infatti qualche anno fa in un’intervista a TvBlog aveva detto che ai tempi moderni, rispetto al passato, è possibile convivere anche senza il matrimonio, che poteva invece garantire una certa indipendenza. Di conseguenza secondo il suo pensiero, sposarsi significa compiere un passo ancora più importante.