Codacons contro chi non si vaccina: “Stop a Reddito Cittadinanza e pensioni”

0
228

La Codacons con un comunicato vuole l’estensione delle ultime regole sul Green Pass a lavoro anche ad altre categorie

Foto Ministero del Lavoro

È “sacrosanto” per gli “scansafatiche” che hanno ricevuto il “regalo 5stelle”, mentre per i pensionati può essere un buon fine per proteggere gli anziani fragili. Con queste parole il Codacons chiede la sospensione del Reddito di Cittadinanza e della pensione per le persone che non si vaccinano.

La proposta arriva in seguito alla decisione del governo di estendere l’obbligo vaccinale a molte altre categorie di lavoratori e non solo a scuola e sanità come fino a poco tempo fa.

“Di fatto l’esecutivo ha introdotto l’obbligo della vaccinazione per i lavoratori, prevedendo la sospensione dello stipendio per chi non si vaccina”, ha detto il presidente Carlo Rienzi secondo il quale lo stesso principio deve essere applicato a chi percepisce il tanto dibattuto RdC. Per la categoria dei pensionati il fine della richiesta è anche quello di invogliare le persone a vaccinarsi perché quella fascia di popolazione registra ancora molti contagi.

POTREBBE INTERESARTI ANCHE >>> “Lesiva dell’onore”, Berlusconi rifiuta la perizia psichiatrica al processo Ruby Ter: il vero motivo

Il Codacons chiede l’estensione delle ultime regole

Una chiara presa di posizione del Codacons più che contro i percettori del reddito è contro i no vax. Una proposta che già sta facendo discutere proprio perché tocca due temi delicati e particolarmente caldi come i vaccini e il Reddito, mai particolarmente amato se non da chi ne beneficia.

Il governo guidato da Mario Draghi ha stabilito che dal 15 ottobre è obbligatorio per tutti i lavoratori, sia del settore pubblico sia del settore privato, avere il green pass.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Fermato il 18enne che ha accoltellato un coetaneo

Le sanzioni prevedono la sospensione dello stipendio dal primo giorno e dal quinto in aziende con meno di quindici dipendenti. I datori di lavoro sono tenuti al controllo. Possono esserci anche verifiche a campioni all’accesso e sono previste multe da 600 a 1500 euro per i lavoratori senza certificato, da 400 a mille invece per i datori.