Uma Thurman, la rivelazione scioccante sul suo passato

0
232

Uma Thurman, l’attrice si schiera contro la nuova legge dell’aborto in Texas, raccontando la sua esperienza personale avuta in passato.

Uma Thurman, l'attrice di Kill Bill si scaglia contro la legge texana che limita l'aborto (Getty Images)
Uma Thurman, l’attrice di Kill Bill si scaglia contro la legge texana che limita l’aborto (Getty Images)

L’introduzione fatta in Texas della legge che limita in maniera forzata l’accesso all’aborto sta creando una discussione accesa tra i diversi partiti e le opinioni politiche americane.

Le associazioni che difendono i diritti delle donne si sono scagliate subito contro la legge dichiarando come una legge incostituzionale e molto limitativa nei confronti delle libertà personali.

Alcune celebrità si sono schierate dalla parte delle associazioni che denunciano l’incostituzionalità della legge, l’attrice ha voluto contribuire con la sua esperienza al coro di tutte le celebrità che si oppongono ai legislatori texani.

L’esperienza raccontata dall’attrice riguarda quando era minorenne, ha scelto di sottoporsi ad un aborto, per l’attrice non è stato affatto facile superare questa esperienza.

Dopo molti anni è ancora convinta di aver fatto la scelta giusta, l’attrice ha raccontato che in quel momento l’appoggio e la comprensione dei suoi genitori sono stati fondamentali per riuscire a superare i dubbi e le insicurezze dovuti per la sua decisa scelta.

Attualmente l’attrice di Kill Bill ha 3 bambini e loro sono il suo orgoglio e la sua gioia, dopo aver condiviso la sua esperienza con il pubblico l’attrice si è scagliata contro la legge.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Il figlio mai avuto di Dalida: il drammatico aborto clandestino

Uma Thurman, definisce la legge contro l’aborto l’ennesimo esempio della crisi relativa ai diritti femminili

L’attrice ha dichiarato che gli Stati Uniti stanno passando un momento difficile riguardo la tutela dei diritti femminili, sembra che questa legge sia stata pensata come un atto punitivo per le persone che provengono da condizioni economiche meno abbienti.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Svolta storica in Argentina: l’aborto diventa legale

Le parole dell’attrice riguardano soprattutto la nuova legge in Texas, la quale sembra un altro strumento per discriminare quelle persone che trovandosi in condizione di svantaggio economico, o in conflitto con il proprio partner non possano avere la libertà di scelta.

In questo modo è come se fosse imposto alla donna di sopportare tutte le problematiche causate dall’ignoranza maschile. Tante star di del cinema si stanno schierando contro questa legge incostituzionale proprio per riuscire a sensibilizzare il pubblico verso i diritti della donna e la libertà di scelta anche in momenti difficili come la decisione di abortire.