Il figlio mai avuto di Dalida: il drammatico aborto clandestino

0
154

La vita privata di Dalida, il figlio mai avuto: il drammatico aborto clandestino alla fine degli anni Sessanta, cosa avvenne.

La puntata di questa sera del programma Techetechete, in onda su Raiuno dopo il telegiornale, è dedicata a Dalida: la grande cantante italiana ha avuto nella sua vita una serie di tragici eventi che la sconvolsero, a partire dalla morte di Luigi Tenco, nella serata finale di Sanremo del 1967. I due – all’epoca amanti – erano in gara al festival con “Ciao amore ciao”. Il brano venne escluso dalla finale, il cantautore ligure trovato morto.

Ti potrebbe interessare –> Dalida: Lucien Morisse, Luigi Tenco e gli altri amori della sua vita

Un mistero mai del tutto risolto, quello della morte di Luigi Tenco, anche se la versione ufficiale parla di suicidio. L’11 settembre 1970, il primo grande amore di Dalida, Lucien Morisse, si suicida a sua volta nel suo appartamento parigino, con un’arma da fuoco. Nel mezzo, due anni dopo la morte di Tenco, la cantante sarebbe rimasta incinta di un ragazzo di 22 anni di nome Lucio.

Ti potrebbe interessare –> Dalida, come è morta la grande cantante italiana: il suicidio

La cantante Dalida e quel figlio mai avuto: l’aborto fu un rimpianto

Poco si sa di quel rapporto, che sarebbe comunque durato poco: una relazione passeggera che senza dubbio non piaceva ai produttori dell’epoca, che volevano preservare la cantante da altri scandali dopo il matrimonio lampo con Lucien Morisse. Così, Dalida non tenne quel figlio e ricorse a una pratica all’epoca illegale nel nostro Paese, ovvero l’aborto. Lei aveva 36 anni, il misterioso Lucio solo 22. Una vicenda sempre rimasta molto oscura, quella dell’aborto clandestino della cantante, ma che ebbe gravi conseguenze, in particolare per la salute di lei.

Dalida rimase sterile a causa anche delle pratiche poco ortodosse e così un figlio non lo ha mai avuto. Nel 1983 si uccide Richard Chanfrey, che ha condiviso la vita di Dalida dal 1972 al 1981. Nel 1975, si è suicidato il suo migliore amico, Mike Brant. Nel 1987 è la stessa cantante a togliersi la vita. Quindici anni dopo la sua morte, il fratello Orlando Gigliotti a Paris Match commentò la scelta di abortire: “Dalida rimpianse quella decisione per tutta la vita”. Ma come ha sottolineato Sveva Alviti, che ha interpretato la cantante in una biopic, all’epoca quel figlio “sarebbe stato uno scandalo”.