Vasco Rossi: “In questo mondo…”, drammatica confessione

0
257

La drammatica confessione di Vasco Rossi: “In questo mondo…”, il cantante e la lotta alla depressione.

(screenshot video)

Torna a far discutere con le sue riflessioni Vasco Rossi: il rocker di Zocca – fermo da due anni con l’attività live a causa del Coronavirus – non ha mai nascosto di avere avuto a che fare con dei momenti davvero difficili e col dramma della depressione. Un dramma che lo ha spinto a scrivere brani come il suo primo in assoluto, “Jenny è pazza”, in cui appunto ricostruisce la vita di una ragazza.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Vasco Rossi, cantante da record: due primati in pochi giorni

Qualche tempo fa, tornando a parlare di questa donna, che peraltro è diventata la protagonista di un fumetto della serie Dylan Dog, il cantante ha spiegato proprio come si sia immedesimato nel personaggio che ormai 44 anni fa ha messo in musica, e che comunque ha raggiunto un certo successo solo successivamente, quando lui ha deciso di ricantare quel brano dal vivo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Vasco Rossi, caos sul concerto di Trento: “Tutto esaurito in città”

La confessione di Vasco Rossi: pubblica quella vecchia intervista e parla di depressione

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Vasco Rossi (@vascorossi)

Per il cantante, quel brano è un po’ il simbolo di uno dei tanti aspetti della sua personalità, forse quello che in molti casi tanti avrebbero preferito tenere nascosto, ma che lui ha appunto scelto di rendere pubblico. Ma c’è anche un suo brano più recente che parla della difficoltà di vivere una vita serena. Il titolo di quel brano è eloquente, ovvero “Vivere non è facile”, ed è inserito in un album dal titolo altrettanto eloquente, ovvero “Vivere o niente”.

Vasco Rossi, nel corso della sua intervista, di cui ha voluto condividere uno spezzone appunto sul suo profilo Instagram, parla di queste tematiche a cuore aperto, raccogliendo tanti consensi dai suoi fan. Molti sono coloro che sottolineano che proprio grazie alla musica del Blasco sono ritornati a vivere. Il rocker di Zocca si è soffermato in particolare su un concetto: “Sembra che tutti debbano dire che stanno bene altrimenti ci si vergogna”.