Francesco Baccini e la droga: “Ecco perché non l’ho fatto…”

0
107

Il cantautore Francesco Baccini e la droga: “Ecco perché non l’ho fatto…”, le rivelazioni su Facebook e l’accusa a Vasco Rossi.

(Vittorio Zunino Celotto/Getty Images)

Vasco Rossi? “Rappresenta quello che è il collante di cinque generazioni: la droga”, e a proposito di consumo di droga, lui ha sempre preferito “la spuma al ginger”. A parlare così, qualche anno fa, era il cantautore genovese Francesco Baccini, colui che ha messo in musica e parole “le donne di Modena”, ma Renato Curcio, il fondatore delle Brigate Rosse, e il più volte presidente del Consiglio, Giulio Andreotti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Francesco Baccini, chi è e che fine ha fatto il cantante

Oggi sarà in diretta televisiva nel corso della trasmissione ‘Oggi è un altro giorno’, il cantautore e avrà la possibilità di presentare i suoi nuovi progetti in cantiere, ovvero un nuovo disco e la colonna sonora del film “Credo in un solo padre”. Tanti lo ricordano soprattutto per quella sua avventura a Music Farm e la relazione con Dolcenera, ma lui questo passaggio della sua vita lo ha sempre mal sopportato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Francesco Baccini contro Guenda e la Ruta: “Ci campano col gossip”

Il rapporto di Francesco Baccini con la droga: ecco cosa ha detto il cantante

Impossibile dargli torto: Francesco Baccini in carriera ha vinto ben due targhe Tenco, una in particolare nel 1989 come miglior opera prima per l’album Cartoons, a cui segue un capolavoro come Il pianoforte non è il mio forte. Nel disco canta insieme a Fabrizio De André in Genova Blues e coi Ladri di Biciclette in Sotto questo sole, brano che nel 1990 vince il Festivalbar e che ancora oggi è un tormentone. Il suo ultimo disco è Chewing gum blues, uscito nel 2017 e inciso insieme a Sergio Caputo. Sempre nel 2017 si lascia andare a una confessione social sull’uso di droghe. Baccini, infatti, ha sostenuto su Facebook di essere sempre stato lontano da quel mondo.

Lo fa con la sua ironia: “Quando da piccolo capii che droga e alcol essendo inibitori (in poche parole alla lunga non si alza più) avrebbero potuto rovinare una delle poche gioie della vita optai per la spuma al ginger”. Dieci anni prima, sul tema aveva addirittura sferzato Vasco Rossi e attaccato chi lo prendeva come modello. “Vedono in lui un fratello maggiore un po’ scapestrato” – sosteneva – “E’ simpatico e gli perdonano tutto, tipico del nostro Paese”. Invece lui si diceva “completamente astemio e non mi sono mai drogato in vita mia. Eppure sul palco sono completamente fuori di testa”. Il suo eccitante? “L’acqua tonica”. O magari la spuma al ginger.