Lory Del Santo, la morte di suo figlio Conor: ecco chi era il padre

0
137

Lory Del Santo, la vita della showgirl è stata condizionata dalla morte prematura di suo figlio Conor. Ricordate la tragedia successa nel 1991?

Lory del santo
Lory Del Santo, showgirl italiana nata a Povegliano Veronese nel 1958 (Getty Images)

La vita di Lory Del Santo è stata macchiata dalla tragica morte di suo figlio Conor. La showgirl a metà anni Ottanta ebbe una relazione con il chitarrista Eric Clapton e nel 1986 nacque appunto Conor. 

Il bambino, però, morì nel 1991 in seguito ad una terribile caduta da un balcone del 53° piano di un grattacielo di New York. Una vicenda incredibile e tremenda che ha segnato inevitabilmente la vita della coppia. Sia Lory che Eric si trovavano nella stanza dove si è consumata la tragedia e la dinamica dei fatti non è mai stata chiara. Probabilmente il bambino stava giocando e la distrazione dei suoi genitori è stata fatale, anche se Lory ha spesso raccontato la vicenda pubblicamente affermando come la finestra era aperta per via delle pulizie degli addetti ai lavori.

Ti potrebbe interessare anche questo articolo->Vera Miales, fidanzata di Amedeo Goria: la rivelazione di Lory Del Santo

Lory Del Santo, il racconto della tragedia

In un’intervista di qualche anno fa negli studi di Domenica Live, la Del Santo descrisse in questo modo la triste vicenda: “Ricordo che stavamo per uscire, Eric stava per arrivare e saremmo dovuti andare al parco. Io stavo salendo nel piano superiore di questo grande appartamento, dove si trovava Conor. In quel momento mi è arrivato un fax, e sono dovuta tornate indietro”.

Ti potrebbe interessare anche questo articolo->GFVIP, la confessione di Soleil spiazza tutti: “Mi frequento con…”

La showgirl poi continuò: “L’ho visto attraversare la stanza, l’ho chiamato per dirgli di tornare indietro. Non potevo neppure immaginare che la vetrata fosse aperta, perché nei grattacieli di solito le finestre sono chiuse. Invece c’era una persona che stava pulendo, e forse per ignoranza, aveva aperto il vetro. Lui aveva le sue Tartarughe Ninja in mano, forse voleva volare”.