Zebre Rugby Club in lutto: morto il media manager Leonardo Mussini

0
222

Il mondo del rugby di Parma piange la scomparsa di Leonardo Mussini, media manager delle Zebre Rugby Club, società che ha contribuito a fondare.

morto leonardo mussini
Leonardo Mussini/Facebook

Lo sport parmigiano è in lutto. Il media manager e responsabile dell’ufficio stampa delle Zebre Rugby Club di Parma, Leonardo Mussini, è morto a soli 41 anni. Nel 2012 aveva contribuito a far nascere la società, per poi farla crescere con il passare degli anni. In città era conosciuto anche per la sua passione per la musica, che lo aveva portato a dare vita all’associazione dj Vinylistic.

La triste notizia è arrivata ieri, mercoledì 29 settembre. Nato e cresciuto a Parma, Leonardo Mussini lottava da tempo contro una rara forma di malattia che aveva colpito soprattutto i polmoni. Da alcuni giorni si trovava ricoverato all’ospedale di Sant’Orsola di Bologna. Il media manager delle Zebre si era avvicinato al rugby nel 2007 come speaker, per poi intraprendere una carriera nell’ambito della comunicazione.

Ti potrebbe interessare anche -> Andrea Conti, morto il campione di handbike: “Incidente come Alex Zanardi”

Il cordoglio per la morte di Leonardo Mussini

La Federazione Italiana Rugby e le Zebre Rugby Club, tra proprietà, staff e giocatori, si sono stretti alla famiglia di Leonardo Mussini, alla sua compagna Elisa e a tutti i suoi cari. Nel comunicato d’addio vengono ricordate “l’impeccabile professionalità e le straordinarie doti umane che lo hanno reso uno splendido esempio per amici e colleghi”.

Ti potrebbe interessare anche -> Dramma, morto il campione olimpico e record del mondo

Il presidente delle Zebre, Michele Dalai, ha evidenziato il suo grande amore per il rugby e per il club che, prima di essere il suo lavoro, “è stato la sua famiglia e la sua casa”. “Ti voglio bene vecchio mio – si legge nella nota ufficiale – troppo presto e troppo grande il vuoto che lasci a me, a tutti noi al primo piano, ai ragazzi e ai tifosi. Ovunque proteggi, buon viaggio Zebra”.