Barbara Palombelli: il figlio naturale Giorgio Rutelli sulle sue orme

0
220

Barbara Palombelli ha quattro figli e il primo come lei fa il giornalista: studi all’estero fino alla direzione di un quotidiano

Giorgio Rutelli (foto Facebook)

Buon sangue non mente e così segue il percorso tracciato dalla mamma. Giorgio Rutelli, figlio dell’ex leader della Margherita e della giornalista Barbara Palombelli, lavora anche lui nel mondo dei media e da dieci mesi dirige il quotidiano online formiche.net.

Giorgio è il primo figlio della coppia ed è quello naturale. Specificazione che bisogna fare perché Rutelli e la Palombelli hanno poi adottato tre figli, Serena, Francisco e Monica. Classe 1982, è laureato in Diritto Comparato, titolo che ha conseguito presso l’Università di Firenze prima di studiare all’estero, a Bruxelles e a Boston.

Dopo queste importanti esperienze nel 2010 ha cominciato  a lavorare con Dagospia. Una carriera straordinaria e veloce tanto che è riuscito ad arrivare alla vicedirezione. Si è distinto per i suoi spiccati interessi verso l’economia e la geopolitica, occupandosi anche dei media e delle tecnologie.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Palombelli e l’indignazione scatenata dal suo discorso sul femminicidio

Quando il figlio di Barbara Palombelli parlò con Biden

Giorgio Rutelli ha anche avuto un colloquio con l’attuale presidente degli Stati Uniti d’America Joe Biden quando era il vice di Obama alla Casa Bianca. Il fatto avvenne per caso e in modo scherzoso. L’episodio è stato raccontato dal padre in occasione dell’elezione dello scorso anno in un’intervista a Repubblica.

Era il 2011 e l’Italia festeggiava i 150 anni d’Unità. Biden a Roma, ai Fori Imperiali, incontrò Francesco Rutelli gli mostrò l’auto del figlio con dietro l’adesivo Obama/Biden 2008. L’attuale presidente fu così entusiasta della cosa che volle chiamare Giorgio, alle 8.30 di domenica.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Brian May: ecco che fine ha fatto il leggendario chitarrista dei Queen

All’epoca aveva 29 anni e dormiva ancora quando sentì squillare il telefono sentendo una voce che si presentò come il Vice di Obama. La telefonata si stava concludendo con Giorgio che stava per riattaccare pensando si trattasse di uno scherzo.