Carrà e Frizzi, Magalli racconta retroscena sui colleghi scomparsi

0
130

Su Raffaella Carrà e Fabrizio Frizzi l’amico Giancarlo Magalli svela alcuni fatti, ospite a Verissimo: chi sapeva della malattia

Giancarlo Magalli (foto Verissimo)

Giancarlo Magalli nella sua lunga carriera di conduttore ne ha conosciuti di colleghi. Con alcuni è stato amico e oggi può raccontare alcune vicende di chi non c’è più come Raffaella Carrà e Fabrizio Frizzi, due giganti della televisione italiana.

Con la Carrà, scomparsa lo scorso luglio, aveva un rapporto personale e professionale. A Verissimo, ospite di Silvia Toffanin, ha raccontato che alla regina della televisione aveva prima fittato una casa per poi vendergliela. Della sua malattia non sapeva nulla perché l’unico che era al corrente era il compagno di sempre, Sergio Japino.

Anche lui rimase infatti sorpreso della sua scomparsa, cosa che invece non avvenne per Frizzi. Pochi intimi sapevano dell’amico Fabrizio e delle sue condizioni di salute. Quando però fu annunciata la sua morte, nessuno di loro che era a corrente si aspettava che la malattia sarebbe stata così veloce.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Queen, Roger Taylor all’attacco dei no vax: “Sono patetici”

Magalli sulla lite Volpe-Bruganelli

Nella chiacchierata con la Toffanin non si poteva non parlare di un piccolo caso che ha scatenato delle polemiche. È noto che tra il conduttore e la collega Adriana Volpe, una volta con lui a I fatti vostri, non corre buon sangue. Oggi lei è opinionista al Grande Fratello Vip insieme a Sonia Bruganelli, moglie di Paolo Bonolis.

Quest’ultima nei giorni scorsi aveva scattato un selfie con Magalli, incontrato per caso in un ristorante romano. La cosa non è piaciuta molto alla collega del Gf e la Bruganelli si è giustificata dicendo che non era una provocazione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Adriana Volpe su Sonia Bruganelli: “Mi ha destabilizzata”

Magalli ha però sostenuto che lei sapeva bene che lo scatto avrebbe creato qualche malumore e ha poi lanciato una frecciatina (l’ennesima) alla Volpe dicendo che dovrebbe prendere la vita con maggiore leggerezza invitandola a non fossilizzarsi su simili cose.