Gaffe GF Vip 6, la regia lascia l’audio aperto: “Massa di imbecilli…”

0
153

GF Vip 6, questa mattina mentre alcuni concorrenti erano in giardino si sono sentite alcune voce; la reazione

Grande gaffe al Grande Fratello Vip 6 ma questa volta i protagonisti non sono i concorrenti bensì qualcuno che non si vede. Mentre alcuni inquilini questa mattina erano in giardino (Aldo Montano, Ainett Stephens, Davide Silvestri,

e Nicola Pisu) si è sentita una voce maschile parlare dalla regia: “Massa di imbecilli celebrolesi…” poi quella di una donna ma non si capisce cosa dica, è chiaro però che si tratta di una voce femminile.

Probabilmente è un commento alla frase precedente perché poi riparla la prima voce: “C*zzi loro“. E a sentire non sono solo i concorrenti ma anche chi da casa su Mediaset Infinity stava seguendola diretta. Sono stati infatti loro a recuperare il video e a rilanciarlo suo social.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Amici 21, online i primi brani inediti di tre concorrenti: ecco di chi si tratta

Gaffe GF Vip 6: “Facciamo finta di niente”

Tra la prima e la seconda frase chi interviene dei concorrenti è Davide che consiglia agli altri coinquilini: “facciamo finta di niente”. Quando poi si sente l’altra frase, è Miriana Trevisan che prova ad avvisare la regia: “Si sente tutto”. Dai gesti degli altri presenti, si capisce chiaramente che bisogna far finta di nulla come Davide aveva consigliato, e così fanno.

Quanto accaduto è ormai un ordinario incidente di percorso. Non è infatti la prima volta che succede, anche nel corso di altre edizioni del Gf, Vip o classico, è capitato che dalla regia si sente dire qualcosa, cogliendo di sorpresa i concorrenti. Ma ogni volta, resisi conto dell’errore, il collegamento è sempre stato prontamente interrotto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Uomini e Donne, un nuovo tronista al posto di Joele

Quello di stamattina è il primo episodio da quando meno di un mese fa ha preso il via l’edizione numero 6 riservata ai Vip. Ovviamente, concorrenti e telespettatori, si chiedono a chi fossero rivolte quelle parole, di chi stessero parlando i protagonisti della conversazione.