Maria Ressa e Dmitry Muratov, Nobel per la Pace a 2 giornalisti

0
136

Il premio Nobel per la Pace è stato assegnato a due giornalisti: Maria Ressa e Dmitry Muratov, ecco le motivazioni.

(screenshot video)

Il Premio Nobel per la pace è stato assegnato ai giornalisti Maria Ressa e Dmitry Muratov per i loro sforzi per salvaguardare la libertà di espressione nelle Filippine e in Russia. L’Accademia dunque ha scelto: dopo la decisione di assegnare il Nobel per la letteratura allo scrittore Abdulrazak Gurnah, considerato voce dei rifugiati, adesso arriva un’altra premiazione che sicuramente sarà molto apprezzata dall’opinione pubblica.

LEGGI ANCHE –> Giorgio Parisi: chi è l’italiano premio Nobel per la fisica

Ma chi sono i due vincitori del Premio Nobel per la Pace? La Ressa è l’amministratrice delegata di Rappler, una testata giornalistica critica del regime del presidente filippino Rodrigo Duterte, mentre Muratov è a capo del quotidiano russo indipendente Novaya Gazeta. Due giornalisti, dunque, che ogni giorni devono avere a che fare con la lotta per la libertà di espressione in due Paesi dove il tema è di strettissima attualità.

LEGGI ANCHE –> Michael Houghton, premio Nobel 2020: Vaccino Coronavirus, gli scenari

Maria Ressa e Dmitry Muratov, simboli del giornalismo che non si piega al potere

Il giornalismo libero, indipendente e basato sui fatti serve a proteggere dall’abuso di potere, dalle bugie e dalla propaganda di guerra”, ha detto Berit Reiss-Andersen, presidente del Comitato norvegese per il Nobel, annunciando il premio che viene proclamato a Oslo e non a Stoccolma come avviene per il Nobel assegnato alla letteratura. Reiss-Andersen ha aggiunto che la scelta del comitato “ha lo scopo di sottolineare l’importanza di proteggere e difendere questi diritti fondamentali”.

Ressa diventa la prima donna a ricevere un premio Nobel quest’anno. I premi in medicina, fisica, chimica e letteratura sono stati assegnati all’inizio di questa settimana. Tra i premi Nobel per la Pace, ricordiamo Nelson Mandela, Martin Luther King, Jr., il dissidente polacco Lech Walesa, l’ultimo leader dell’Unione Sovietica Mikhail Gorbachev, Yasser Aragat, Simon Peres e Yitzhak Rabin. Due soli i giornalisti: Alfred Hermann Fried, il quale ebbe un ruolo importante nella diffusione dell’esperanto, proclamato nel 1911, e Carl von Ossietzky giornalista dissidente del nazismo, che ricevette il Nobel nel 1935 mentre era in carcere, dove morì tre anni dopo.