Luigi Busà e Laura Pasqua, amore sul tatami: la coppia del karate azzurro

0
55

Luigi Busà e Laura Pasqua si conoscono fin da bambini e la loro storia sembra un romanzo perché c’era molta antipatia

Luigi Busà e Laura Pasqua (foto Facebook Team Italia)

Lo scorso agosto Luigi Busà ha vinto l’oro alle olimpiadi portando il podio più alto per la prima volta nel Karate italiano. Ma la vittoria più bella l’ha ottenuta nel 2018 e non sono i mondiali di Madrid. Dopo quella manifestazione ha chiesto alla compagna Laura Pasqua di sposarlo dopo una storia lunga undici anni.

La loro storia d’amore per lo sport e nello sport: è sul tatami che si sono conosciuti quando erano bambini. La disciplina che praticano è una tradizione familiare perché il Karate i pardi lo hanno praticato e insegnato.

E pensare che all’inizio non c’era attrazione tra i due. Anche questo aspetto sembra tratto da un romanzo a lieto fine. Inizialmente non c’era simpatia, per lei era troppo “selvaggio” mentre Laura era la studiosa che non parlava dialetto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Luigi Busà, il campione olimpico single? Chi è la moglie Laura Pasqua

Luigi Busà e Laura Pasqua, la proposta di matrimonio

Poi una sera a bordo della Vespa le cose cambiano improvvisamente e scocca la scintilla con un bacio. Ma tra di loro c’era la distanza perché lei, siciliana come Luigi, studiava a Padova.

Nel 2008 c’è la svolta perché entrambi entrano nel Gruppo Sportivo della Forestale prima di passare undici anni dopo al Centro Sportivo dei Carabinieri.

Dal giorno del fidanzamento si sono supportati a vicenda, nelle gara e negli allenamenti in tutto il mondo. Poi dopo l’argento conquistato a Madrid ecco la proposta di matrimonio e davanti a tutta la nazionale, la “seconda famiglia”, chiede di formarne una nuova.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Inter, offerta irrinunciabile dal fondo saudita Pif: cessione vicina

Una storia da raccontate quella di Luigi e Laura, con lui che ha sgomitato per raggiungere gli obiettivi prefissati passando per un’adolescenza difficile fatta di insulti e bullismo per i suoi 94 chili. Fino all’oro olimpico.