Manuel Winston Reyes, chi è l’uomo accusato del delitto dell’Olgiata

0
139

Manuel Winston Reyes, è il maggiordomo che commise il delitto dell’Olgiata di origini filippine nel 1991 uccise la contessa Alberica Filo della Torre.

Manuel Winston Reyes, è stato rilasciato per aver scontato in anticipo i 16 anni di carcere (Foto dal web)
Manuel Winston Reyes, è stato rilasciato per aver scontato in anticipo i 16 anni di carcere (Foto dal web)

Il domestico nella villa dell’Olgiata che apparteneva alla contessa Alberica Filo della Torre, morta nel 1991 in quello che è stato per diversi anni uno dei delitti più irrisolti e famosi di tutta Italia.

L’identità dell’esecutore materiale dell’omicidio è stata scoperta solo dopo i primi test del DNA, proprio grazie ad alcune tracce genetiche dell’assassino il quale è stato individuato nel maggiordomo di origini filippine il quale è stato condannato a 16 anni di carcere.

Per diversi anni il maggiordomo di Alberica Filo della Torre ha prestato il suo servizio nella lussuosa villa proprio nel quartiere dell’Olgiata a Roma, l’uomo fu licenziato da tempo, quando una mattina del 10 Luglio 1991 si intrufolò nella camera da letto della Contessa per poi ucciderla con un lenzuolo e rubarle tutti i gioielli.

Il delitto rimase irrisolto per oltre 20 anni, nonostante il marito della donna, Pietro Mattei abbia cercato di non far chiudere le indagini, il 1° Aprile del 2011, con i test del DNA, il filippino fu individuato come l’unico autore fisico del delitto.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Laura Ziliani, spunta il movente del delitto: ecco perché l’hanno uccisa

Manuel Winston Reyes, dopo l’arresto lo stesso maggiordomo confessò di aver ucciso la contessa

Il maggiordomo filippino dichiarò che ha vissuto per tanto tempo con questo peso, ha deciso di uscire allo scoperto dopo 20 anni, fu subito condannato a 16 anni di carcere, ma grazie ad alcuni indulti è stato scarcerato nel 2021.

Il maggiordomo è sposato ed ha una figlia, la stessa figlia è stata chiamata Alberica, ha dichiarato di aver confessato il delitto a sua moglie, ma lei non gli ha creduto.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Giallo di via Poma: 31 anni fa il delitto di Simonetta Cesaroni

Chiamando sua figlia con lo stesso nome della Contessa sta cercando di espiare le sue colpe, a sua moglie raccontò tutto riguardo il delitto, ma lei non ha mai voluto credergli, adesso è pronto ad affrontare le conseguenze delle sue azioni scontando la pena, è giusto che lui lo faccia, vuole cominciare ad avere una vita normale e non vuole più nascondersi al pubblico.