Nasa: la sonda Lucy pronta ad esplorare gli asteroidi

0
112

La sonda Lucy è partita come da programma appena due giorni fa. La missione si baserà sull’esplorazione degli asteroidi – una esplorazione storica targata Nasa, poiché ambiziosa e per certi aspetti rivoluzionaria.

Una nuova missione della Nasa ha come obiettivo quello di esplorare gli asteroidi, in particolare quelli troiani di Giove. Lucy potrebbe donare alla Terra una nuova visione e nuova conoscenza sull’origine e il funzionamento del nostro sistema solare. Il lancio, è avvenuto con condizioni meteo favorevoli da Cape Canaveral, in Florida. La sonda Lucy è il frutto del lavoro della National Aeronautics and Space Administration (Nasa) e del Southwest Research Institute (SwRI), sonda che ha lasciato la Terra alle 11.34 (5.34 ora locale).

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Per la missione Europa Clipper la Nasa ha scelto Space X

La missione ha come obiettivo principale l’esplorazione dei “mitologici” asteroidi troiani, una serie di corpi celesti più piccoli che orbitano attorno al Sole, ma anche degli asteroidi più popolari che invece ruotano attorno all’interno della gravità di Giove e del Sole. La missione della sonda Lucy durerà ben 12 e gli obiettivi di osservare corpi mai monitorati prima è certamente una bella sfida anche per la Nasa. Il costo della sonda è di 981 milioni di dollari. Come spiega la CNN, questa missione potrebbe anche donarci una spiegazione rispetto alle coordinate dei pianeti conosciuti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Inspiration4: la missione spaziale di SpaceX con soli cittadini privati

Gli asteroidi troiani sono più o meno 70.000 mila e il più grande misura 250 chilometri – dimensioni di straordinaria caratura. La particolarità di Lucy sta nel fatto che, durante la missione, la sonda dovrà fare per ben tre volte ritorno da Giove sull’orbità terreste, per poi prendere slancio e ripartire alla volta di Giove – diventando così il primo veicolo a poter eseguire un percorso del genere. Lucy ha una dimensione di 14 chilometri ed è stata sviluppata da un team di 500 scienziati e ingegneri spaziali. Inoltre, sarà il primo velivolo del genere a non aver bisogno dell’energia nucleare per viaggiare, poiché dispone di due grandi pannelli solari. Lucy studierà gli asteroidi attraversi le sue telecamere a colori e in bianco e nero, un termometro e anche uno spettrometro a infrarossi.