Inspiration4: la missione spaziale di SpaceX con soli cittadini privati

0
65

Tra soli due giorni, il futuro dei viaggi orbitali potrebbe cambiare radicalmente forma e aprirsi a nuovi scenari in un futuro non lontano. SpaceX è pronta a lanciare il primo volo spaziale con soli cittadini privati a bordo. Per la prima volta, quattro cittadini raggiungeranno l’orbita terrestre, superando così le precedenti missioni di Blue Origin e Virgin Galactic. L’Agenzia di Elon Musk punta in questo modo, di conquistare la prima fetta di torta del settore dei viaggia spaziali.

(Photo by Aubrey Gemignani/NASA via Getty Images)

SpaceX prova a staccare la concorrenza della Blue Origin e di Virgin Galactic, e lo fa lanciando per la prima volta quattro cittadini, soli, verso un viaggio intorno alla Terra orbitale nell’ambito della missione Inspiration4, annunciata lo scorso febbrai. La differenza tra questa missione e le precedenti operate dalle rivali, sta nel fatto che, per la prima volta, l’equipaggio raggiungerà l’orbita. La missione di SpaceX ha un finanziatore – il CEO di Shift4 Payments, il 38enne miliardario Jared Isaacman. L’obiettivo, come spiega Il Post, sarebbe quello di raccogliere fondi di beneficienza per St. Jude Children’s Research Hospital di Memphis. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Corsa verso la Luna: Blue Origin di Jeff Bezos fa causa alla Nasa

I fondi emessi da Isaacman sono misurabili in 100 milioni – altri 200 dovevano invece provenire da una raccolta fondi. Tra l’equipaggio c’è anche un altro finanziatore del progetto, sorteggiato dall’Agenzia Spaziale privata di Musk. Sembra però che questo abbia ceduto il suo posto ad un amico: Christopher Sembrosk, anch’esso un finanziatore della missione. L’equipaggio sarà composto da Jared Isaacman, designato comandante – Sian Proctor e Hayley Arceneaux, oltre a Sembrosk.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Bezos nello spazio può essere il futuro del pianeta?

Il 29enne Hayley Arceneaux, darà vita anche ad un altro primato: sarà la prima persona a raggiungere lo spazio con una protesi in titanio – innestata diversi anni fa a causa di una malattia che costrinse il ragazzo ad una operazione, per l’esportazione di alcune ossa della gamba sinistra. L’equipaggio ha affrontato un periodo di addestramento base, incluse prove e test per ogni eventualità durante tutte le fasi del volo. La missione è stata affidata al Falcon 9 e alla capsula Crew Dragon. Mercoledì tutti gli occhi saranno puntati sul cielo della Florida. La missione durerà tre giorni, per rientrare il 18 settembre.