Roma e Torino, exit poll e risultati: vincono Gualtieri e Lo Russo

Urne chiuse per le comunali a Roma e Torino, exit poll e risultati: vincono Gualtieri e Lo Russo, centrosinistra in festa.

Sono appena terminate le operazioni di voto a Roma e Torino per quanto concerne le elezioni comunali e dai primissimi instant poll si profila un successo chiaro e netto del centrosinistra, con entrambi i candidati della coalizione che la spuntano su quelli del centrodestra. Dunque, Roberto Gualtieri e Stefano Lo Russo riportano a sinistra la Capitale e il capoluogo piemontese.

(screenshot video)

Secondo i dati diffusi dal sito Affariitaliani.it a urne appena chiuse, il successo del centrosinistra, soprattutto nella città di Roma appare netto e inequivocabile: molto ampia è infatti la forbice del divario tra i due avversari. In entrambe le città, in ogni caso, nella migliore delle ipotesi, i candidati del centrodestra non vanno oltre il 43-47%.

—>>> Leggi anche Finisce male l’era Raggi, brucia deposito Atac a Tor Sapienza: il bilancio

Sono 5mila le interviste fatte complessivamente da Lab2101 per il sito Internet che è specializzato anche in politica. Il campione è rappresentativo di 3.500 romani e duemila torinesi, per cui i dati saranno sicuramente soggetti a variazioni, ma appunto la tendenza appare abbastanza netta e incontrovertibile.

—>>> Leggi anche Roma e Torino al ballottaggio per le comunali: exit Poll e risultati

Gualtieri e Lo Russo verso l’elezione a sindaco a Roma e Torino

A Roma, al primo turno, Roberto Gualtieri si era infatti fermato al 27%, mentre il suo avversario, Enrico Michetti, aveva preso il 30%. Situazione rovesciata a Torino, dove al primo turno era andato in vantaggio il candidato del centrosinistra, Stefano Lo Russo, con il 44% circa, mentre Paolo Damilano, candidato del centrodestra, aveva sfiorato il 39%.

Dai dati appena diffusi subito dopo la chiusura delle urne, sembra evidente il risultato ottenuto da Roberto Gualtieri a Roma: l’ex ministro dell’Economia raccoglie tra il 56,8 e il 60,8% delle preferenze, mentre Michetti si ferma al 39,2-43,2%. Il vantaggio sembra dunque abbastanza netto, ma comunque si attendono i dati più concreti dal Viminale. Le operazioni di spoglio in occasione dei ballottaggi sono comunque molto rapide.

A Torino, invece, Lo Russo ottiene tra il 52,7% e il 56,7%, mentre Damilano si ferma a una forbice compresa tra il 43,3% e il 47,3%. Preoccupa molto il dato dell’affluenza: ieri alle 23 aveva votato solo il 33,3% degli aventi diritto. A Roma, l’affluenza si era fermata al 30,87%, a Torino al 32,61%, in calo rispettivamente del sei e del quattro per cento rispetto al primo turno.