Tutta colpa della fata Morgana: dove è girato il film in onda su Rai 1

In onda su Rai 1 martedì 19 ottobre “Tutta colpa della fata Morgana”, con Nicole Grimaudo e Davide Iacopini. Il film è stato girato in splendide località del Sud Italia, ecco tutti i dettagli.

Debutta in prima visione su Rai 1 martedì 19 ottobre alle 21,30 il film tv “Tutta colpa della fata Morgana”, nuovo appuntamento del ciclo di commedie romantiche intitolato “Purché finisca bene”. La pellicola è prodotta da Pepito Produzioni in collaborazione con Rai Fiction ed è diretta dal regista e sceneggiatore Matteo Oleotto.

tutta colpa della fata morgana
Nicole Grimaudo e Davide Iacopini

A vestire i panni dei protagonisti sono gli attori Nicole Grimaudo e Davide Iacopini. Gli altri membri del cast sono Claudia Potenza, Corrado Fortuna, Tecla Insolia, Francesca Giovannetti, Fiorenza Pieri e Aurora Quattrocchi.

A far da cornice al film è la Calabria con le sue bellezze naturali. Le scene sono stati infatti girate tra maggio e giugno tra Scilla e le splendide località vibonesi Briatico, Pizzo e Zambrone. Oleotto ha raccontato di essere stato sedotto da “incredibili paesaggi e persone estremamente accoglienti e generose”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> La Casa di Carta 5, l’anteprima che confonde: cosa succederà? – VIDEO

Tutta colpa della fata Morgana: la trama del film

tutta colpa della fata morgana

I protagonisti del film si chiamano Gabriella e Claudio. La prima, interpretata da Nicole Grimaudo, ha il sogno di aprire insieme alla sua amica Anna la prima spadara tutta al femminile di Scilla. A ostacolare i suoi piani ci pensa però il secondo, ovvero Davide Iacopini, che da imprenditore milanese, per costruire un boutique hotel, decide di comprare la casa diroccata in cui si sarebbe dovuta mettere in piedi la tanto desiderata attività.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Amazon Video, Jack Ryan torna con la stagione 4 in streaming

L’uomo d’affari, per portare avanti il suo progetto, chiede aiuto proprio a Gabriella. In un primo momento è tentata dal respingerlo, poi però dopo aver riflettuto attentamente decide di accettare il lavoro con un secondo fine diabolico: quello del sabotaggio. A un certo punto tuttavia la donna si trova di fronte a un vero e proprio dilemma morale, che la porta a mettere di nuovo tutto in discussione.