Porto-Milan, polemica per il gol decisivo: l’episodio incriminato

Il Porto vince il match di Champions League contro il Milan grazie a un gol di dubbia regolarità: le proteste dei tifosi rossoneri non si placano, ecco cosa è successo.

Si è concluso tra le polemiche il match che ha visto affrontarsi all’Estadio do Dragao, in Portogallo, il Porto e il Milan. Il match, terminato 1-0 a favore della squadra allenata da Sergio Conceicao, era valido per la 3ª giornata del gruppo B della Champions League.

porto-milan, gol da annullare
Marco Luzzani/Getty Images

La qualificazione dei rossoneri agli ottavi di finale è adesso tutta in salita: ultimi del girone a 0 punti, con il Liverpool a 9 lunghezze e l’Atletico Madrid a 4 punti insieme al Porto, sono ormai chiamati a un’impresa. Ma a far discutere è il modo in cui è arrivata la sconfitta in Portogallo, con alcune scelte arbitrali decisamente confutabili. Su tutte, quella che ha portato al gol decisivo di Luis Diaz.

Ti potrebbe interessare anche -> Porto-Milan 1-0, la decide Luis Diaz: tabellino e highlights

Porto-Milan: il gol era da annullare. La moviola del match

A dirigere la sfida è stato l’arbitro tedesco Felix Brych, ritenuto uno dei fischietti europei più esperti e inflessibili. Eppure sono diverse le decisioni che gli vengono contestate. I rossoneri recriminano una mancata ammonizione a Wendell, anche se al secondo minuto della partita, per un gomito alto nei confronti di Calabria. E il cartellino giallo a Giroud al 21esimo minuto per un pestone ai danni di Mbemba è stato ritenuto eccessivo, in quanto involontario.

Ma le proteste si sono accese soprattutto per la decisione di validare il gol-vittoria al Porto a metà del secondo tempo: l’azione che al 65esimo minuto porta alla rete nasce infatti da un vistoso fallo. Dopo un cross di Kjaer dalla fascia destra Bennacer frana a terra per un contatto con Taremi, il pallone rimane lì e per Luis Diaz è facile battere indisturbato Tatarusanu con il destro.

porto-milan, gol da annullare
(screenshot video)

Analizzando il replay tuttavia appare evidente la spinta con la spalla del centravanti lusitano sulla schiena del centrocampista rossonero. Per Brych il contrasto non è stato falloso e l’azione è stata quindi giudicata regolare: per questo motivo il Var non è potuto intervenire. Eppure Taremi sembra disinteressarsi completamente del pallone, andando dritto sulla schiena dell’avversario.

Ti potrebbe interessare anche -> Donnarumma a Le Iene: il portiere si tatuerà lo stemma del Milan?

L’errore arbitrale è stato ampiamente discusso dagli esperti nelle varie trasmissioni di approfondimento post-partita. Secondo Graziano Cesari, interpellato a Mediaset, per l’arbitro tedesco la serata è stata “assolutamente negativa”. “Il giocatore rossonero cerca la palla, invece quello del Porto guarda solamente l’avversario per non permettergli di impossessarsi del pallone – ha spiegato – è un errore inammissibile”. Dello stesso parere anche Fabio Capello e Alessandro Costacurta su Sky: “Il fallo è nettissimo”.