Mottarone, Eitan tornerà in Italia: la sentenza del giudice

Strage del Mottarone, Eitan tornerà in Italia con la zia affidataria. Il piccolo è al centro di una disputa giuridica internazionale

Il piccolo Eitan, il bambino di sei anni unico sopravvissuto alla strage del Mottarone avvenuta esattamente cinque mesi fa, tornerà in Italia.

Eitan (foto Facebook)

Da settembre è al centro di una disputa giuridica internazionale tra il ramo italiano della famiglia (lato padre) e quello israeliano. La decisone è stat presa dal tribunale della Famiglia di Tel Aviv e la notizia è staata riportata dal Jerusalem Post. La sentenza prevende anche che Shmuel Peleg, il nonno di Eitan che era stato accusato di sequestro di minore, dovrà pagare 70mila Shekel (circa 18mila euro) di spese processuali.

È stato infatti riconosciuto che il bambino si trova più a suo agio in Italia perché è il suo “ambiente abituale” e che il nonno ha portato il bambino a Tel Aviv dal Pavese senza “copertura giuridica”, in violazione della Convenzione internazionale dell’Aja.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Mottarone, ex dipendente denunciò problemi: “Minacce di licenziamento”

Mottarone, Eitan in Italia: annunciato il ricorso

Eitan
Shmuel Peleg, il nonno di Eitan (screen YouTube)

L’AdnKronos ha raccolto dichiarazioni e sensazioni di entrambe le parti in causa. Aya Biran, la zia paterna, ha espresso ”grande contentezza” tramite l’avvocato Cristina Pagni, uno dei legali, che ha lavorato facendo leva proprio sul rispetto della Convenzione dell’Aja. Non si conosce ancora la data di rientro in Italia perché la sentenza può essere impugnata. Dall’altra parte, infatti, l’agenzia di stampa ha appreso la notizia che il nonno farà ricorso. Lo ha dichiarato Gadi Solomon, il portavoce di Shmuel Peleg.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Denise Pipitone, la ricostruzione di come sarebbe oggi – LA FOTO

Il caso del bambino era stato comunciato sabato 11 settembre 2021. La zia Aya affidataria legale del piccolo che vive in provincia di Pavia, aveva denunciato che quella mattina Eitan lasciato la casa per trascorrere la giornata con il nonno. Sarebbe dovuto rientrare alle 18.30 e invece andando prima il Svizzera e prendendo un volo privato, il nonno lo aveva portato a Tel Aviv.