Il Collegio 6, una concorrente: “Voglio cambiare il mondo”. Lite con Oppini

Il Collegio 6, la sedicenne ha avuto una discussione via social con l’ex GF Vip: la ragazza non si è tirata indietro e ha ribatturo

La prima puntata della sesta edizione de Il Collegio ancora non è andata in onda ma in compenso già ci sono le polemiche. Può sembra strano ma una concorrente sedicenne ha avuto un battibecco con Francesco Oppini.

Il collegio
Maria Sofia Pia Federica (foto Facebook)

Lei si chiama Maria Sofia Pia Federico e nella clip di presentazione si è dimostrata molto sicura di sé. Ha detto che non si sente particolarmente diversa rispetto ai suoi coetanei perché lo è a priori. Ma è sull’ultima frase che è successo il capitombolo: “Voglio cambiare il mondo“.

Sul web è arrivato il commento di Francesco Oppini, figlio di lba Parietti ed ex concorrente del Grande Fratello Vip. Ha detto che quando sente cose del genere gli passa la voglia di avere figli. La giovane ha letto il commento e non si è tirata indietro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Il Collegio al via: che fine hanno fatto gli ex allievi del reality show

Il Collegio 6, Maria Sofia vs Oppini: la controrisposta

Francesco Oppini (foto Facebook)

La concorrete ha spiegato che le sono arrivati tanti commenti negativi e che ha deciso di ignorare, senguendo anche i consigli di chi prima di lei ha partecipato alla trasmissione di RaiDue.

Ma sul commento di Oppini ha deciso di non sorvolare. “Questo è troppo”, ha scritto, spiegando che se vuole cambiare il mondo è anche “per insegnare alle persone come te il giusto modo di relazionarsi agli altri”, augurandogli che se un giorno dovesse essere padre, di diventare più educato e consapevole.

Oppini ribatte, ma in modo ben diverso. Chiede scusa alla ragazza e alla famiglia dicendo che il suo commento era riferito al “tono un po’ troppo supponente” usato nel video.

POTEREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Oppini contro Zorzi, amicizia finita: “Surreale”

Caso chiuso con Maria Sofia che accetta le scuse (che spera siano sincere), evidenziando come anche il commento fatto con la più totale leggerezza può avere delle conseguenze molto gravi.