Green: il rivoluzionario impianto eolico in Scozia

L’impianto eolico offshore più grande del mondo è stato inaugurato in scozia. Un’opera rivoluzionaria per la sua struttura che differisce totalmente dagli altri parchi simili.

(Photo by Christopher Furlong/Getty Images)

Un nuovo impianto eolico offshore è stato avviato in Scozia. Un progetto che vede al centro l’evoluzione della tecnologia ma anche il futuro del rinnovabile. Le sei turbine sono il punto forte di questo progetto sviluppato dalla Kincardine Offshore Windfarm.

La tecnologia al servizio delle energie rinnovabili trova un posto nel progetto Kincardine, in Scozia, una centrale eolica offshore entrata in funzione con l’etichetta di parco eolico galleggiante più potente del mondo. Si tratta di 6 aereogeneratori, come spiega il sito Rinnovabili.it, da 50 MW, estesi lungo la costa dell’Aberdeenshire.

A differenza di altri parchi, capaci di sviluppare molta più potenza, come l’Hornsea Project One, la più potente al mondo, l’impianto è galleggiante, senza fondamenta innestate sul fondale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Cambiamenti climatici: l’allarme nel rapporto delle Nazioni Unite

Il parco vanta una turbina V80-2 MW e cinque turbine Vestas V164-9,5 MW che si basano piattaforme semisommergibili WindFloat sviluppate dall’azienda Principle Power – una tecnologia che sarà, molto probabilmente una nuova frontiera nei progetti offshore.

Doppio record per Kincardine, che può contare non solo sul suo primato ma anche sulle turbine eoliche più grandi galleggianti, un record unico in tutto il mondo ma che molto probabilmente sarà eguagliato con buon auspicio nella corsa verso la transizione ecologica.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ambiente: un terzo delle piante rischia l’estinzione

Rinnovabili.it riporta anche le parole di Nils de Baar, Presidente di Vestas Central & Northern Europe, che ha affermato come questo tipo di progetti dimostrino l’evoluzione delle tecnologie per l’offshore – “Abbiamo dimostrato ancora una volta che gli aerogeneratori più potenti del mondo possono essere installati su sottostrutture flottanti. Siamo pronti per la prossima fase dell’eolico offshore galleggiante su scala commerciale”. 

Ancora una volta, progetti del genere, dimostrano come la transizione ecologica può permettere a diverse aziende di investire nella stessa evoluzione tecnologica, mettendola al servizio dell’ambiente. E, come nel caso scozzese, altre realtà stanno promuovendo la realizzazione di parchi eolici galleggianti, meno impattanti e più funzionali.