Ferrari in lutto: Antonia Terzi morta in un drammatico incidente

La 50enne modenese, Antonia Terzi, l’ingegnera della Formula 1 “contesa” da Ferrari e Williams, è morta in uno schianto in autostrada. 

Antonia Terzi, conosciuta per essere un ottimo ingegnere aerodinamico per la Ferrari, è  morta in un incidente stradale in Inghilterra. La donna progettò il muso a tricheco della scuderia britannica di Formula 1, Williams. La passione per le auto inizia da quando Antonia era bambina, raggiungendo il suo sogno, ma finito presto.

POTREBBE INTERESSARTI: Antonio Conte verso una nuova panchina? Per lui voci estere

Foto di una gara di Formula 1 in cui Antonia Terzi lavorava solo a scopo esplicativo (gettyimages)
Foto di una gara di Formula 1 in cui Antonia Terzi lavorava solo a scopo esplicativo (gettyimages)

La donna era nata a San Felice, paese vicino a Modena, è stata vittima di un incidente stradale in Gran Bretagna. E’ diventata famosa nel 2004 con l’introduzione di un inedito muso sulla Williams FW26 per esasperare il concetto del telaio a doppia chiglia, negli anni in cui una donna con ruoli chiave nella progettazione era considerata un’eccezione.

Dopo la lunga carriera in Formula 1 lasciò le gare per dedicarsi allo studio e alla ricerca che la portò a progettare un mezzo di trasporto speciale, vale a dire un “Superbus“, un veicolo completamente elettrico che avrebbe potuto trasportare fino a 23 passeggeri. L’autobus inventato da Antonia Terzi avrebbe permesso di trasportare molti viaggiatori grazie al telaio in fibra di carbonio da 23 posti e con ali di gabbiano e capace di raggiungere la velocità di 250 km/h.

POTREBBE INTERESSARTI: Atp Vienna, Sinner sfida Tiafoe per la finale: cosa succede se vince

La donna collaborò anche con la Facoltà di Ingegneria Aerospaziale olandese per poi dedicarsi completamente all’insegnamento e stava per trasferirsi all’Università di Canberra in Australia, ma l’incidente che le ha portato via tutto, compreso il sogno che aveva da ragazzina e che è riuscita a realizzarlo con tutte le sue forze.