Juventus – Fiorentina: ai Viola manca un rigore? Ecco cosa è successo

0
169

La moviola in diretta di Juventus – Fiorentina: ai Viola manca un rigore? Ecco cosa è successo, Sozza e la sua scelta.

Premessa: il primo tempo della partita tra Juventus e Fiorentina è stato di una tristezza unica e probabilmente solo un rigore ne poteva cambiare le sorti. Detto questo, raccontiamo cosa è successo alla fine del primo tempo con il discusso e discutibile ancora a lungo episodio da moviola.

(Gabriele Maltinti/Getty Images)

La partita, big match del sabato di Serie A, è arbitrata da Simone Sozza, giovane fischietto di Seregno classe 1987. Si tratta di un arbitro con poco meno di due anni di esperienza nei campionati di Serie A e B, ma viene comunque considerato uno dei migliori fischietti in circolazione, forse il migliore tra le nuove leve.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Milan, lutto prima del derby: vinse la Coppa Campioni col Trap e Rivera

Nel suo primo anno di designazione, vanta 8 gare in Serie A e 22 in Serie B. In generale, di lui si è parlato molto bene finora e non ci sono stati precedenti come quello di oggi, che è appunto destinato a far discutere. Capiamo ora bene quello che è successo. Sozza era coadiuvato al VAR dall’abruzzese Aleandro Di Paolo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Saul Malatrasi, calciatore dei record: il derby Inter – Milan è affare suo

Rigore in Juventus – Fiorentina: errore del VAR, Sozza doveva rivederlo

(Chris Ricco/Getty Images)

Si tratta di uno degli arbitri designati come rappresentanti del “Gruppo VAR PRO”, in quanto ritiratisi e che mai aveva arbitrato un match di Serie A, pur avendo arbitrato per ben otto anni, dal 2011 al 2019, in serie B. Anche per lui, quella tra Juventus e Fiorentina è una partita importante e a fine primo tempo ecco il contestato episodio.

L’arbitro Sozza, infatti, dopo due minuti di recupero fischia la fine del primo tempo, ma trattiene le squadre in campo. Sull’ultimo cross in area, una punizione dalla sinistra, c’è un’azione sospetta. Infatti, Danilo salta in maniera scomposta e colpisce la palla con la mano. Il braccio sembra largo.

Arriva un silent check del VAR su un possibile rigore: la review però considera congrua la posizione del braccio di Danilo, nonostante a prima vista non sembrerebbe. In queste giornate, occorre dirlo, rigori del genere sono già stati concessi senza colpo ferire. Di Paolo – quasi sicuramente sbagliando – non richiama Sozza all’on field review e il primo tempo finisce così.