Morto Giampiero Galeazzi, decano dei giornalisti sportivi

0
233

Ultima ora, morto Giampiero Galeazzi, decano dei giornalisti sportivi: l’annuncio su Twitter del collega Massimo Caputi.

Un grave lutto ha colpito il mondo del giornalismo sportivo italiano: si è spento oggi a Roma Giampiero Galeazzi. Il decano dei giornalisti sportivi aveva compiuto 75 anni a maggio.

(screenshot video)

Tifoso della Lazio e padre di due figli, che avevano seguito le sue orme, lo avevano ribattezzato Bisteccone per la sua mole. Di origini paterne piemontesi e laureato in Economia con tesi in statistica, in gioventù era stato un affermato campione di canottaggio. In particolare, il futuro giornalista sportivo sfiorò le Olimpiadi del 1968 a Città del Messico e vinse alcuni titoli italiani.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Morto Chuck di Happy Days: lutto nel mondo delle serie televisive

Suo padre anche era un campione di canottaggio e aveva vinto nel 1932 gli europei nel “due senza”. Da oltre 50 anni, ormai lavorava in Rai come giornalista sportivo. Mitiche e passate alla storia sono alcune sue telecronache, come quella della cavalcata verso l’oro olimpico del duo composto da Antonio Rossi e Beniamino Bonomi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Riccardo Ravalli, la morte del Cavaliere di U&D: il lutto su Instagram

Chi era Giampiero Galeazzi, morto oggi

“Unico e inimitabile”, così lo ha definito poco fa su Twitter il suo collega Massimo Caputi, tra i primi a dare la notizia del decesso del giornalista sportivo. Senza dubbio, un giudizio meritatissimo per il grande giornalista sportivo scomparso oggi e che per ben sei edizioni dei Giochi Olimpici fece vibrare gli italiani appassionati e non di canottaggio con le sue telecronache.

Dal 2008 ai Giochi Olimpici di Pechino fu sostituito da Marco Lollobrigida, ma la sua voce resterà per sempre la più nota. Si occupò anche di calcio e infatti lo ricordiamo come volto storico della Domenica Sportiva. Ma Galeazzi non è stato solo uomo di sport: lo ricordiamo anche per le sue incursioni in varietà televisivi, come quelli condotti da Mara Venier, dei cui salotti è stato spesso ospite.

Per questa sua indole e la sua versatilità come opinionista e uomo di spettacolo, nel 2006 Pippo Baudo lo volle affianco a se durante un’edizione del Festival di Sanremo. La morte è arrivata oggi nella sua città natale, Roma. Tanti i messaggi di cordoglio già arrivati in questi minuti.