Vero nome e successi del cantautore Nico Fidenco: il ritorno in tv

Nico Fidenco dopo molti anni oggi torna ospite in televisione: la sua carriera e le canzoni con le quali ha segnato un’epoca

Nico Fidenco negli anni Sessanta è stata una vera star nel panorama artistico italiano e punto di riferimento di molti cantautori ed elementeo cardine della RCA Italiana.

Nico Fidenco
Nico Fidenco (foto Facebook)

Il primo vero successo arriva però cantando una canzone che non ha scritto di proprio pugno bensì interpretandola: What a Sky di Giovanni Fusco per la colonna sonora del film I delfini di Francesco Maselli.

La casa discografica non aveva in programma la pubblicazione di un 45 giri ma la canzone si diffonde così tanto e viene tanticchiata ovunque che il discografo lo immette sul mercato.

Il brano segna l’inizio del percoso di Nico che canta in italiano e in inglese e presta la voce a colonne sonore di successo per film come come Exodus e Colazione da Tiffany.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Andrea Nicole a cuore aperto: “Mi mandarono in terapia”

Nico Fidenco, dove vederlo oggi

Nato a Torino nel 1933, il suo vero nome è Domenico Colarossi. Con te sulla spiaggia, Come nasce un amore e A casa di Irene.

Nico Fidenco (foto Facebook) (1)

Per dare un’idea della portata del successo Legata a un granello di sabbia, brano datato 1961, nell’Italia che sta terminando il boom economico vende oltre un milione di copie e resta in classifica per 14 settimane.

Nel 1967 partecipa per la prima e unica volta a Sanremo per poi impegnarsi di nuovo nella realizzazione di colonne sonore per diversi generi di film, dagli spaghetti-western a pellicole erotiche. Scrive anche pezzi per cartoni animati e tra i vari ricordiamo Hela Supergirl, Sam il ragazzo del west e Bem il mostro umano.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Bruno Vespa, nuova vita per il giornalista: lascia la Rai?

Compare poco in tv ma oggi dopo molto tempo torna sul piccolo schermo. Sarà ospite di Serena Bortone a Oggi è un altro giorno dove è previsto anche un ricordo Fred Buscaglione in occasione del centanario dalla nascita.