Gallipoli, ricoverato per mal di pancia muore: tre medici adesso nei guai

0
79

Gallipoli, va in ospedale per dolori allo stomaco, muore dopo tre giorni. Ore per ricevere un tampone: la denuncia

Si era recato al pronto soccorso per un mal di pancia ed è morto. Ora si indaga su tre medici dopo la denuncia del padre della vittima, un uomo di quarant’anni.

Ospedale Sacro Cuore di Lecce (screen)

Il genitore ha spiegato che tra ambulanza e pronto soccorso, sono passate ben sedici ore per fare il tampone anticovid. Sul corpo sarà esequita l’autopsia e sabato scorso il pm Alberto Santacatterina ha conferito l’incarico al medico legale Alberto Tortorella per l’esecuzione dell’esame.

Sono stati iscritti nel registro degli indagati i tre medici che hanno avuto in cura l’uomo. È un atto dovuto per far luce sulla vicenda e potrebbero essere formulate le accuse di omicidio colposo e responsabilità colposa in ambito sanitario.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Fabrizio Miccoli: Cassazione conferma condanna per l’ex allenatore del Palermo

Gallipoli, muore in ospedale: la denuncia del padre

Secondo la denuncia del padre della vittima, riportata da leccenews24, il 40enne si è sentito male domenica 7 novembre. Avverte forti dolori allo stomaco e chiama la guardia medica ma non può essere visitato causa disposizioni anticovid. Viene chiamata l’ambulanza e riceve la prima visita.

Passa però la prima ora e avviene il trasposto all’ospedale Sacro Cuore di Gesù quando sono circa le ore 19. Entra però alle 23 circa perché deve attendere quattro ore prima che venga effettuato il tampone e resta nell’atrio della stuttura.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Carmine Venturino, pentito nel caso Lea Garofalo: la sua confessione orribile

Passano le ore e la situazione si aggrava. Il giorno dopo l’uomo entra in rianimazione e all’alba del giorno 11 novembre purtroppo muore. Ora è compito della magistratura chiarire se ci siano state o meno responsabilità dei medici e del personale sanitario.