Matilde D’Errico, chi è l’autrice e conduttrice televisiva, carriera e curiosità

0
61

Matilde D’Errico è tra le più apprezzare autrice di programmi televisivisi. Non tutti infatti sanno che la conduttrice è anche ideatrice e scrittrice della trasmissioni.

Matilde D'Errico
Matilde D’Errico (foto Facebook)

Capita spesso che chi ha questa doppia veste come lei, viene ricordato più per il ruolo che ha davanti alle telecamere e non dietro. Lavora per e più grandi aziende italiane, dalla Rai a Mediaset passando per Sky La7 e l’americana Fox.

Ha all’attivo anche collaborazioni per diverse case produttrici e ne gestisce anche una tutta sua, La Bastoggi docu & fiction, specializzata in produzioni indipendenti che lavora sia per la televisione che per il cinema.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Storia di una famiglia perbene, il retroscena di Federica Torchetti

Matilde D’Errico, per quali programmi ha lavorato

Nata a Venosa nella provincia di Potenza nel 1971, ha cominciato la carriera frequentando il corso Rai per sceneggiatori. Ai vari progetti cui ha lavorato come autrice c’è Pronto Soccorso H24, una narrazione divisa in tredici puntate sulla quotidianità e difficoltà del Pronto Soccorso dell’Ospedale S. Giovanni di Roma.

foto Facebook

Alto noto documentario di RaiTre che porta la sua firma è Un giorno per sempre dove si raccontano gli episodi che in poche ore hanno cambiato radicalmente la vita delle persone.

Per Mediaset, invece, indimenticabile il programma di Italia 1 della prima edizioni di Campioni. Scorrendo i nomi della trasmissioni di evince la capacità di adattamento ma anche la come sa parlare diversi linguaggi e trattare varie materie. Dalla collaborazione con Campioni alla trasmissione Rai A Sua Immagine, è un’esempio di questa capacità.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Arisa e Vito Coppola: “Lui è fidanzato” e la ragazza interviene sui social

Per quanto riguarda la vita privata, chi vuole sapere qualche dettaglio resterà deluso. Non si sa infatti se è sposata, ha marito, un compagno o figli. Sui social, infatti, ci sono solo contenuti che riguardano il lavoro.